“Paola poteva essere salvata” segregata in casa per 14 anni, il servizio di “Chi l’ha visto”

“Paola poteva essere salvata, la sua morte è una nostra sconfitta”: così la conduttrice di “Chi l’ha visto?” racconta ai microfoni della trasmissione, Paola Manchisi aveva solo 31 anni ed è stata trovata morta nella sua casa in mezzo a tanta sporcizia, escrementi di topi. La trasmissione di rai tre la scorsa estate avevano raggiunto la sua città, Polignano a Mare (Bari) proprio in cerca della ragazza, per capire cosa le fosse successo. La ragazza era stata chiusa in casa per 14 anni.


Era stata una compagna di scuola a segnalare la sua scomparsa e l’inviato era andato sul posto proprio per raccogliere le testimonianze dei vicini di casa. La ragazza non usciva mai di casa ma spesso la sentivano urlare, il fratello invece conduceva una vita normale. Erano intervenuti perfino gli assistenti sociali e i carabinieri ma il loro intervento non era servito a nulla.


La madre e la cugina intervistate avevano ribadito che era una scelta della ragazza quella di stare per i fatti suoi.

Paola è morta sabato sei gennaio, pesava meno di trenta chili. I genitori sono ora indagati per abbandono di persone incapaci. Sul cadavere della vittima verrà eseguita l’autopsia per chiarire la causa esatta del decesso.
fonte: leggo.it