Offre 1500 euro al mese ma gli italiani rifiutano per un motivo veramente banale

Poi si dice che gli immigrati tolgono il lavoro agli italiani!
Ci sono ragazzi extracomunitari che si accontentano di lavorare per salari molto bassi ma quello che è successo ad un’azienda di Pesaro fa capire che il problema è un altro, scarsa voglia di adattarsi a lavorare per uno stipendio di tutto rispetto.

Il titolare di un’azienda che produce tappi a Mombaroccio, Mirco Bannini, ha raccontato al quotidiano La Nazione di aver cercato negli ultimi mesi otto operai per i turni notturni, ha ricevuto oltre 900 curriculum ma tantissimi italiani si sono tirati indietro per orari poco adeguati.

Già nello scorso gennaio Bannini aveva scritto al Resto del Carlino, lamentando di non riuscire a trovare gli operai per questo tipo di lavoro: in pochi giorni si presentarono in centinaia, di persona o mandando i loro curriculum online. Ma evidentemente non è bastato: “Abbiamo assunto otto persone, due hanno rinunciato dopo poche settimane – ha detto – Me l’hanno detto chiaramente, non se la sentivano di fare i turni e di lavorare anche nei festivi”.

Eppure lo stipendio era alto: dai 1450 ai 1550 euro netti. Ma oltre ai turni, l’altro aspetto che ha ‘bloccato’ gli aspiranti lavoratori era la distanza. “Da noi c’è la mentalità che uno deve andare a lavorare in bicicletta, la distanza più lunga era di 11 chilometri”, ha aggiunto, spiegando come tra chi ha rinunciato c’era qualcuno che l’ha fatto perché non voleva viaggiare. “Siamo rimasti amareggiati, forse si trattava di persone che non avevano davvero bisogno. I nostri operai per un terzo sono extracomunitari, ci troviamo benissimo: loro sì che hanno bisogno”, conclude.

fonte: leggo.it