Nuovi studi dimostrano che c’è un legame tra la casa disordinata e la depressione,lo dice la scienza

Mia madre era decisamente un grande maniaca della casa. Crescere con lei significava che tutto doveva essere al suo posto e pulito in ogni momento – il che significava, naturalmente, faccende e pulizie extra per me e le mie sorelle.

Naturalmente, da bambini, pensavamo che questo fosse più fastidioso e spesso facevamo tutto il possibile per evitare di fare il nostro letto, lavare i piatti o pulire il tavolo dopo cena.

Ma, visto che sono cresciuta, mi sono gradualmente resa conto di aver ereditato in modo definitivo la “stranezza” di mia madre. È fondamentale che la mia casa sia sempre in ordine. “Tutto nella mia casa ha una casa” tengo a dire oggi, il che significa che ogni oggetto che possiedo ha il suo designato “luogo di riposo”.

Mi sono resa conto che senza questo, mi sento sopraffatta e non riesco a pensare in modo diretto. E si scopre che dietro c’è la scienza.

Gli studi evidenziati nel libro  Life at Home nel 21 ° secolo: 32 famiglie aprono le loro porte, hanno rivelato che gli individui, e le donne in particolare, che vivono in una casa disordinata hanno livelli più elevati di ormoni dello  stress, lo stesso tipo che contribuisce alla depressione .

Secondo lo psichiatra Dr. Audrey Sherman, esiste un legame tra ambiente disordinato e depressione. Dice che la disorganizzazione e il caos sono “i maggiori problemi che devono essere denunciati dagli individui depressi”.

“Il bagaglio emotivo è in grado di esprimere lo spettacolo esteriore di disordini”, sostiene lo psichiatra

soggiorno ingombra
Deposit photo / cupertino

Ciò significa che vivere, lavorare e persino navigare in spazi ingombri  può allontanare l’uomo dalla salute mentale. In effetti, è possibile che il caos che circonda un individuo sia la causa di una salute mentale deteriorata.

Il collegamento è quindi chiaro: il disordine porta allo stress e viceversa. E, più il disordine diventa confuso e disordinato, più diventa difficile intervenire e fare qualcosa al riguardo. Così tanti che non riescono ad affrontare questo problema affondano sempre più nel loro ambiente disordinato – finché non diventa impossibile uscirne.

Ciò provoca sensazioni accentuate di stress, ansia, depressione o può semplicemente farti sentire sopraffatto.

Migliora la tua vita: elimina gli oggetti superflui

Gli esperti consigliano di eliminare gli oggetti definiti “di troppo” per il proprio ambiente il più presto possibile per vedere un miglioramento della salute mentale.

Ecco alcuni buoni consigli su cosa puoi fare se trovi tutto questo fin troppo familiare:

  • Dona o getta oggetti non necessari, inclusi oggetti che non hai usato negli ultimi 6 mesi;
  • Conoscere la differenza tra “spazzatura” e “tesoro” – mantenere solo le cose intorno a te che suscitano ricordi positivi;
  • Organizza la tua casa in modo che sia un luogo gradito per gli ospiti;
  • Mantieni solo le cose che ti servono al momento nello spazio immediatamente disponibile e metti il ​​resto nell’ armadio;
  • Acquista in modo intelligente: non accumulare più oggetti inutili che contribuiranno a creare più confusione.

Soprattutto, ricorda di iniziare in piccolo: Roma non è stata ricostruita in un giorno, dopotutto. Prova ad affrontare le cose una stanza alla volta, per esempio.

piatti sporchi ammucchiati nel lavandino
Facebook / Brittany Ernsperger

Conosci qualcuno che è, beh, disordinato? Potrebbe aver bisogno del tuo aiuto: condividi questo articolo con lui, potrebbe portare un po ‘di chiarezza alle loro vite e cambiare le cose per il loro bene.