DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Agosto 22, 2019

Redazione DonnaWeb

Nonno di 73 anni abusa della nipote di 9 anni al punto di ucciderla - Il giudice è rimasto scioccato quando l'uomo ha confessato le sue azioni

È stato un processo che ha scioccato l'intera Austria e non solo. Un uomo di 73 anni ha dovuto rispondere davanti al tribunale di Vienna.

Fu accusato di soggiogare e abusare di sua nipote e di una sua amica.

L'imputato avrebbe anche filmato e fotografato le due ragazze incoscienti.

Pubblicità

Ora il verdetto è stato pronunciato..

"Mi mancano le parole" furono le prime parole del procuratore. Come riportato dal Kronen Zeitung .

Il nonno è stato accusato di aver violentato sua nipote e la sua compagna di giochi, la nipote della sua migliore amica, con sonniferi e poi l'ha violentata e uccisa.

Il nonno di 73 anni dovrà scontare la sua pena

Si dice che l'uomo abbia usato un sussidio per il sonno, che provoca riluttanza. "Sembra di essere confezionato in cotone". Per i minori di 18 anni è vietato. Può anche causare amnesia retrograda. Ciò significa che le vittime non possono ricordare nulla dopo essersi risvegliate.

Il giudice Andres Böhm spiega: "Si ritiene che tali persone debbano essere malate o con qualche problema mentale, ma secondo il rapporto non lo è".

Al momento dell'accusa sarebbe stata possibile una pena detentiva di 15 anni.

Tuttavia la pena definitva è stata inferiore. Dato che il nonno di 73 anni non solo ha confessato, ma anche altre azioni, seppur terribili, sono state ammesse, inoltre, si è scusato e disposto a pagare un risarcimento elevato, è stato condannato a nove anni di prigione.

Certo, la pena data può essere messa in discussione. Ma una cosa è chiara, è impossibile scusarsi con tali azioni terribili verso delle povere vite innocenti.

È un crimine ingiustificabile.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram