Se non rispondo a WhatsApp, potrebbe essere perché non posso o, semplicemente, non voglio

La coercizione emotiva a cui siamo sottoposti da tecnologie di immediatezza come Whatsapp sta distruggendo i principi di una buona comunicazione. È comune trovarsi in numerosi conflitti con persone che richiedono una certa fluidità nella conversazione.

Non siamo obbligati a rispondere ma, tuttavia, siamo moralmente spinti a farlo. Questo finisce per “bruciarci” e rendere i nostri contatti con gli altri una vera odissea.

Ecco perché è conveniente elaborare questi diritti tecnologici e fare in modo che i nostri desideri funzionino. Insistere nel soddisfare le aspettative degli altri finisce per esaurirci, inebriandoci e diminuendo la nostra identità.

Chi non ha mai sentito di essere stato interrogato dal suo modo di rispondere ai messaggi? Chi non è stato sotto pressione o non è stato vittima della fretta degli altri? Chi non ha sentito che i social network stavano mettendo fine alla propria privacy?

Rispondere o meno è una tua decisione

Abbiamo il diritto di non rispondere se non vogliamo o, se possibile, di farlo quando ci si addice. Allo stesso modo, abbiamo il diritto di pubblicare nei nostri social network ciò che vogliamo. Ci sono molti esempi di persone che hanno deciso di prendersi una pausa e lasciare il mondo di WhatsApp e altre applicazioni con l’obiettivo di alleviare le loro vite e fornire un po ‘di pace .

Con la loro azione sono stati criticati e interrogati da molte persone. Non rispondere non è “essere un antisociale” o “uno sconsiderato” come molti vogliono farci credere , stiamo semplicemente facendo uso dei nostri diritti.

Non dovremmo prestarci alla tirannia delle nuove tecnologie, poiché farlo è lasciare morire la nostra volontà.

Il movimento genera movimento

La vulnerabilità psicologica di WhatsApp


Ciò di cui ci stiamo occupando in questo articolo non riguarda tutte le persone allo stesso modo. In effetti, la vulnerabilità psicologica dipende in larga misura dalle caratteristiche della personalità o dagli stati emotivi che definiscono la persona in quel momento.

In questa direzione sono comparsi alcuni studi che cercano di spiegare la dipendenza e l’inadeguato trattamento delle nuove tecnologie. Questi puntano a profili definiti da:

  • Bassa autostima : persone con una maggiore tendenza a cercare sostegno negli altri e con un alto bisogno di approvazione sociale. A causa di queste esigenze, è normale utilizzare il telefono cellulare sbagliato.
  • Extraversione: le persone estroverse tendono a cercare particolari situazioni sociali che generano un uso inappropriato del telefono.
  • Impulsività: la scarsa capacità di riflettere sulle conseguenze di un’azione prima della sua prestazione spesso porta a comportamenti inappropriati nei confronti degli altri.

Possiamo capire, quindi, che le persone che hanno una grande dipendenza dalle tecnologie e, quindi, diffondono attraverso le reti hanno alcune delle caratteristiche sopra menzionate. Pertanto, ricordiamo a questo punto che la pressione sociale è una questione appresa e che la necessità di un contatto permanente con gli altri favorisce una percezione totalmente soggettiva della prossimità.

persone con cellulare

Per questo motivo è essenziale che valutiamo questo e che ricordiamo che se non ci rispondono, ciò non significa che non ci apprezzano o non vogliono avere una relazione con noi. Una persona che non risponde a WhatsApp può dormire, guardare la televisione, leggere un libro, mangiare, respirare o semplicemente vivere.

Potresti non voler rispondere o potresti non vederlo come necessario. Pertanto, non dovremmo angustiarci o fare attribuzioni a riguardo. Questo non significa che ci diano più o meno importanza; La lettura più sana su questo è che gli altri sono persone libere con diritti. Possiamo decidere se vogliamo o no essere schiavi della tecnologia.

Non abbiamo l’obbligo di essere localizzati o in grado di tenere una conversazione in qualsiasi momento. Ecco perché è positivo mantenere il controllo sulle nostre vite e non consentire ai social network di monitorare le nostre vite. Se ci pensiamo e stabiliamo i limiti che vogliamo in maniera assertiva , saremo invasi da una sensazione di meravigliosa libertà emotiva.

fonte: https://lamenteesmaravillosa.com/si-no-contesto-al-whatsapp-puede-ser-porque-no-puedo-o-simplemente-no-quiero/