DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Dicembre 2, 2020

Redazione DonnaWeb

Massaggiatore sportivo: che cosa è, come si intraprende questa professione

Il massaggiatore sportivo professionista, è un soggetto che possiede ampie conoscenze dell’anatomia, della fisiologia e delle manovre che devono essere effettuate in un massaggio pre gara, infra gara e post gara.

La figura del massaggiatore sportivo è sicuramente fondamentale per gli atleti, senza un adeguato massaggio o un adeguato stretching i muscoli di una persona (atleta e non) non riescono a rendere al 100%. Ormai da tantissimi anni vengono utilizzate le tecniche di massaggio sportivo per preparare il corpo dell’atleta alla competizione, alla prestazione, o comunque allo sforzo fisico richiesto. Il massaggio dei muscoli, infatti, svolge un ruolo importante non solo nella fase antecedente alla prestazione ma anche durante e successivamente alla stessa, in modo da riprendere immediatamente la tonicità muscolare.

Come si diventa massaggiatore sportivo

Pubblicità

Per diventare un massaggiatore professionista è necessario frequentare i corsi di formazione massaggio sportivo, solo in questo modo è possibile ottenere il relativo attestato ed operare la professione, trovando immediatamente un impiego stabile e remunerativo in diversi contesti sportivi, in modo da poter lavorare in tutto il mondo.

Il corso di massaggiatore sportivo, in generale, permette agli studenti di imparare come massaggiare i muscoli degli atleti, come aiutarli a superare un trauma muscolare, come far sì che possano aumentare le proprie prestazioni fisiche, ecc. Per questo, una delle materie più importanti è anatomia umana, il massaggiatore infatti deve necessariamente conoscere bene i muscoli del corpo umano.  Tra le altre materie che vengono approfondite nel corso da massaggiatore sportivo è possibile sicuramente citare: manualità del massaggio, manovre complementari, tecniche dello stretching, i diversi tipi di massaggio sportivo e molte altre ancora, finalizzate ad apprendere e perfezionare tutte le diverse tecniche di massaggio.

Massaggio pre-gara

Il massaggio posto in essere prima della gara ha uno scopo ben preciso ovvero quello di prevenire o comunque di ridurre i traumi che possono nascere nello svolgimento della prestazione sportiva. In genere viene svolto pochi minuti prima dell’inizio della gara, ma in alcuni sport viene effettuato con due giorni di anticipo. Gli esperti sottolineano che anche solo 5 minuti di massaggio muscolare potrebbero essere sufficienti per garantire una migliore prestazione dell’atleta. Le manovre utilizzate dal professionista per preparare l’atleta alla gara, sono poco profonde e mirate principalmente a favorire la circolazione del sangue.

Massaggio post-gara

Il massaggio in questione svolge una vera e propria funzione decongestionante e di defaticamento. In sostanza, aiuta il muscolo dell’atleta a riprendersi dallo sforzo a cui è stato sottoposto. Generalmente viene posto in essere subito dopo la competizione per drenare nel miglior modo possibile il sangue e tutte le tossine che si sono formate così da convogliarli verso organi che sono in grado di espellerle. In media questo particolare massaggio dura una ventina di minuti, anche se può variare a seconda dell’affaticamento del soggetto. Tale massaggio risulta essere di fondamentale importanza in quanto le fasce muscolari di un atleta vengono messe a dura prova durante le competizioni e, onde evitare possibili conseguenze negative dovute allo sforzo eccessivo, è fondamentale l’intervento del massaggiatore sportivo esperto e competente.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram