Madre uccide la bambina di un anno strofinandole eroina nelle gengive – “Volevo solo addormentarla”….

Una mamma ha ucciso la sua bambina strofinando i residui di eroina sulle gengive per “aiutarla a dormire”, dice la polizia .

Kimberly Nelligan è comparsa ieri in tribunale per negare il rischio di omicidio di minori e le accuse di possesso di droga.

Ma si dice che la 33enne abbia applicato il residuo della droga sui denti di sua figlia Jody 15 volte nella loro casa.

Nelligan aveva sperato che avrebbe aiutato la bambina di un anno a dormire, dopo averlo fatto con i suoi due figli più grandi.

La piccola è stata trovata morta il 10 ottobre 2018 e le indagini hanno scoperto che ha subito gli effetti tossici del fentanil, un potente antidolorifico.

Il fentanil è un antidolorifico sintetico per oppiacei che di solito è prescritto per il dolore intenso ma è venduto illegalmente per il suo effetto devastante come l’eroina. Viene spesso tagliato in dosi molto piccole.

La 33enne è comparsa in tribunale mercoledì

Dalla morte, Nelligan ha confessato di aver usato l’eroina una volta alla settimana per due mesi prima della morte di sua figlia.

Ha detto agli agenti di polizia di aver sniffato l’eroina, riferisce il Bangor Daily News .

Parlando ieri in tribunale, il procuratore distrettuale Marianne Lynch ha ammesso che le accuse potrebbero essere trasformate in conteggi per omicidio mentre le indagini riprendono.

“Questi sono casi molto seri, molto difficili, e in alcuni casi la legge non è davvero progettata per affrontare questioni come questa”, ha affermato il giudice.

“Se le cose cambiano ad un certo punto, c’è ancora la possibilità che si verifichino altre accuse, ma a questo punto queste sono le accuse di cui siamo certi di poter procedere”.

Nelligan apparirà in tribunale il 12 novembre.

È stata rilasciata su cauzione fino ad allora, ma non può contattare il padre biologico della bambina e non può avere alcun contatto senza supervisione con i minori di 18 anni.

Inoltre, al sospettato non è consentito consumare alcol o droghe illegali.

Il caso continua.