Madre resta paralizzata dopo il parto, rischiando di morire – Ma dopo alcuni mesi avviene il miracolo!

La ventiseienne Holly Gerlach di Edmonton in Canada non avrebbe potuto essere più felice quando è rimasta incinta della sua prima figlia.

Aveva sognato di diventare madre sin da quando era una bambina. La nascita procedette senza complicazioni e Holly brillò di gioia quando fu dimessa dall’ospedale con la sua piccola figlia, Casey.

Ma non si rendeva conto che solo poche settimane dopo la sua nascita, la sua vita felice avrebbe avuto una svolta drammatica.

Tutto iniziò con Holly un giorno improvvisamente sentiva un grande dolore al collo e debolezza nelle gambe.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

Un messaggio shock

Le sue condizioni si deteriorarono rapidamente e, per chiarire i suoi sintomi, decise di andare al pronto soccorso.

I medici le confessarono la notizia shock: il suo corpo si stava paralizzando dal collo in giù

I medici inviarono immediatamente Holly per il trattamento nell’unità di terapia intensiva nella speranza di salvare il possibile.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

Dopo innumerevoli studi, i medici sono stati finalmente in grado di scoprire che Holly aveva la sindrome molto rara della sindrome di Guillain-Barré (GBS) , che si esprime come paralisi delle braccia e delle gambe che perdono la loro forza in pochi giorni o settimane.

I medici spiegarono a Holly e alla famiglia che probabilmente la malattia iniziò a fare il suo corso dalla nascita della figlia di Holly.

La malattia può alleviarsi da sola, ma nella maggior parte dei casi viene somministrato un trattamento, e in situazioni speciali è necessaria una terapia intensiva.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

Holly non poteva muoversi e aveva bisogno di un respiratore per ottenere l’ossigeno. Infermieri e famiglia potevano semplicemente aspettare che lei migliorasse, ma Holly provava un grande dolore.

A un certo punto cercò di comunicare qualcosa a un’infermiera che si chinò e sentì Holly sussurrarle all’orecchio: “Sto troppo male” – e i dottori erano molto preoccupati.

Si è rifiutata di arrendersi

Fortunatamente, c’era qualcosa che diede a Holly la forza di continuare a combattere: la sua piccola appena nata.

Faceva del suo meglio per vedere la sua bambina ogni giorno, anche se comportava grandi sfide fisiche.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

Ma anche se la malattia aveva paralizzato ogni muscolo del suo corpo, Holly decise di resistere. Con l’aiuto di un braccio meccanico poteva alzarsi dal letto e sedersi su una sedia.

Aveva difficoltà pure nella comunicazione, ma doveva parlare con la famiglia e il personale dell’ospedale.

Holly vedeva sua figlia ogni giorno, anche se il suo cuore si spezzava al pensiero di non poter essere la madre che conosceva che la figlia meritava.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

Fortunatamente, dopo diverse settimane di intenso allenamento respirando attraverso una speciale valvola di respirazione, accadde qualcosa di straordinario che diede a Holly la speranza che stava cercando disperatamente. Ha imparato a respirare senza l’aiuto di un respiratore.

Alcune settimane dopo, anche la paralisi cominciò a diminuire e lei poteva iniziare la sua riabilitazione.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

La svolta

Dopo 70 lunghi giorni, Holly poteva finalmente lasciare l’unità di terapia intensiva – ora poteva parlare di nuovo e muoversi su una sedia a rotelle.

Holly diventava sempre più forte ogni giorno e, dopo 78 giorni di ricovero, iniziò la sua riabilitazione, dove la cosa più importante era allenarsi con le gambe. Al suo 87esimo giorno, una svolta importante è arrivata nella guarigione di Holly, ha fatto i suoi primi passi!

Foto: Facebook / Holly Gerlach

D’ora in poi, Holly si concentrò sull’allenamento delle capacità motorie e dei muscoli delle sue braccia fino a quando non riusciva ad essere totalmente indipendente nel frattempo vedeva sua figlia crescere, che ora aveva compiuto quattro mesi.

Dopo 94 giorni all’ospedale, Holly fu finalmente in grado di camminare senza aiuti e dopo 126 giorni le fu finalmente permesso di tornare a casa dalla sua famiglia.

A casa, tuttavia, non era tutto rose e fiori, a causa della sua paralisi, doveva imparare di nuovo tutte le azioni quotidiane, compresi spazzolare i capelli e i denti, scrivere, mangiare con le posate e camminare.

Ora Holly vive la sua vita fino in fondo, cosa che ha promesso a se stessa dopo che la malattia ha paralizzato il suo corpo.

Holly superò la malattia, che quasi le costò la vita, con forza di volontà e spirito combattivo, e un ardente desiderio di tenere in braccio sua figlia.

Foto: Facebook / Holly Gerlach

La storia poteva non avere un lieto fine, se non fosse stato per l’amore della madre per sua figlia e il sostegno di familiari e amici.

Anche lo staff dell’ospedale merita un grande elogio. Perché senza di loro, non sarebbe stato possibile per Holly essere dove si trova oggi.

Non si può fare a meno di essere impressionati da questa madre, che ha lottato attraverso una malattia rara per diventare più forte e combatterla definitivamente.

Ora puoi sperare che Holly viva molti anni senza malattie con la figlia e la sua famiglia. Non esitate a condividere la notizia per augurare alla famiglia il meglio in futuro!