DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Giugno 7, 2019

Redazione DonnaWeb

Madre partorisce il bambino con difficoltà, tuttavia il messaggio dell'infermiera cambierà la sua vita per sempre

Gli aborti sono più comuni di quanto si possa pensare, tuttavia è raro che le persone parlino apertamente di ciò.

Come spesso accade, è difficile per le persone parlare di esperienze che li hanno feriti gravemente, anche se la maggior parte delle volte fa esattamente ciò che può aiutarli a guarire.

Forse perché le persone sono imbarazzate? Forse le donne che abortiscono si vergognano? Ma perché, chiedo, qualcuno dovrebbe vergognarsi di qualcosa su cui non ha alcun controllo?

Pubblicità

Rachel Whalen è una donna che sa esattamente come ci si sente a perdere un figlio ...

Ha parlato dell'argomento scomodo per tutti ma ci insegna qualcosa sulla compassione che tutti dovremmo sapere.

Sfortunatamente, i segni di un aborto spontaneo per Rachel non sono stati scoperti all'inizio della sua gravidanza .

Invece, aveva programmato un futuro per il suo bambino non ancora nato, e quasi andò nell'ospedale credendo che suo figlio fosse sano e in salute. Tuttavia, qualche istante prima della nascita fu informata che sua figlia non era più in vita.

Facebook / Una gita inaspettata in famiglia

Quando qualcosa di così terribile accade, la maggior parte della gente non sa esattamente come reagire. Come si dice a qualcuno che hanno perso il loro bambino?

Per Rachel, non era solo l'amore e il sostegno di amici e familiari che l'aiutavano nell'ora del bisogno. Erano le infermiere esperte e compassionevoli che incontrava all'ospedale che svolgevano un ruolo enorme, coloro che l'avevano consolata dopo aver partorito un bambino che era già morto.

Facebook / Una gita inaspettata in famiglia

Ora, Rachel ha scelto di aprirsi nelle ore più buie della sua vita.

Lei scrisse:

"Alla infermiere,

Grazie per avermi salvato. Le vostre capacità e conoscenze mi hanno salvato dal seguire mia figlia fino alla morte, ma è stata la vostra compassione che mi hanno guidato verso la vita. L'umanità che avete dimostrato è ciò che mi ha riportato in vita; avete reso possibile pensare di vivere dopo la morte.

Per questo, vi devo il mio amore e la più profonda gratitudine.

Grazie alle infermiere che hanno sempre fatto in modo che mio marito avesse abbastanza cuscini quando doveva stare nella mia stanza d'ospedale. E grazie alle infermiere che gli hanno permesso di far uscire i ghiaccioli dal congelatore.

Grazie all'infermiera che è venuta con me quando mi hanno portato in ICU da Labor & Delivery. Grazie per essere il mio avvocato quando non ho potuto parlare perché ero troppo occupata a combattere per la vita di mia figlia.

Grazie all'infermiera che mi ha insegnato a riempire il mio reggiseno di impacchi di ghiaccio quando ho dovuto sopprimere il latte dopo che mia figlia era morta. Voglio anche ringraziarti per avermi trattenuto mentre piangevo per l'onere che non potevo liberare. Il tuo abbraccio non ha fatto nulla per alleggerire la pesantezza del mio seno, ma hai portato un barlume di luce nel mio mondo molto oscuro.

Facebook / Una gita inaspettata in famiglia

Grazie all'infermiera in terapia intensiva che è venuta a ripulirmi dopo che mia figlia è morta. Grazie per avermi dedicato del tempo per aiutarmi a lavarmi la faccia e a spazzolarmi i capelli. Riesco ancora a percepire come mi sia sembrato di farmi ricrescere i capelli in una coda di cavallo, era un tocco che non era un colpo o un pungolo. È stato un gesto

Grazie all'infermiera che si è accovacciata vicino al mio letto e mi ha chiesto di Dorothy. Grazie per sapere quanto fosse importante per lei essere reale anche se lei se ne era andata. Non dimenticherò mai il modo in cui ti sei appoggiato, proprio come se fossimo amici, e ho chiesto: "Vuoi parlarmi di lei?"

Grazie all'infermiera che ha vestito la mia bambina e ha scattato la sua foto. Grazie per esserti assicurato che il suo cappello non le coprisse gli occhi e che le sue mani fossero posizionate con grazia. Quella foto significa il mondo per noi.

Facebook / Una gita inaspettata in famiglia

Grazie alle infermiere che hanno avuto il tempo di leggere la mia tabella prima del cambio di turno. Voglio ringraziarti per aver imparato i nostri nomi e aver imparato il nome di nostra figlia prima di entrare nella mia stanza. Significava tanto sentire i nostri nomi pronunciati insieme. Ci ha fatto sentire come una famiglia.

Grazie all'infermiera che è scivolata silenziosamente nella mia stanza durante la mia prima notte senza Dorothy, così da poter tenere la mia mano. Grazie per avermi sussurrato la tua storia di tuo figlio che è nato ancora. Grazie per essere stato il primo a portarmi fuori dall'isolamento che si prova dopo aver perso un figlio. La tua presenza sembrava troppo bella per essere vera. Non sono ancora convinta di non averti solo sognata, così sono riuscita a superare quella prima notte solitaria.

Infine, voglio ringraziare le infermiere che mi hanno visto durante la gravidanza con la sorellina di Dorothy. Anche dopo che Frances è entrata nel mondo, non hai mai dimenticato che qualcuno è venuto prima di lei. Sapevi che la nascita di Frances non mi ha fatto diventare madre per la prima volta. Mi ha fatto madre di due figli.

Con gratitudine, quello che 
hai portato indietro "

Facebook / Una gita inaspettata in famiglia

È impossibile capire come ci si sente a far nascere un bambino morto. Perché è esattamente quello che devono fare alcune madri. Anche se ti è stato detto che il bambino nello stomaco non vive più, devi comunque partorire

So che molte persone hanno paura di parlare di un figlio deceduto a un genitore, ma per favore non ignorare che hanno avuto un figlio.

Hanno bisogno di persone per riconoscere che il bambino è esistito e che è stato amato. La perdita del bambino non diminuisce quell'amore. Usa il nome del bambino, era reale, esisteva e la perdita è reale.

Il mio cuore va a Rachel, e anche alle infermiere compassionevoli che hanno aiutato quando il suo mondo stava cadendo.

Condividi questo articolo con i tuoi amici e familiari su Facebook per rendere omaggio a tutte le infermiere e le ostetriche di tutto il mondo. 

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram