Madre di due figli perde le gambe ed una mano dopo che i dottori hanno commesso un errore fatale durante una diagnosi

Generalmente ci fidiamo di quello che dicono i dottori, rimanendo sicuri nella consapevolezza di essere in buone mani. Certo, i dottori possono sbagliare, come tutti gli umani, è impossibile per loro avere sempre ragione.

Chiedi a Lydia Galbally, 41 anni, che ha dovuto amputare entrambe le gambe, la mano destra e il dito sinistro dopo che i medici hanno diagnosticato erroneamente la sua sepsi. La madre aveva cercato assistenza medica l’anno scorso dopo aver sperimentato una tosse e un respiro sibilante. I medici le hanno detto che aveva l’asma e una serie di infezioni polmonari, ma è emerso che si sbagliavano di grosso.

GoFundMe / Piedi e mani per Lydia

A settembre Lydia venne a sapere dell’errore, diagnosticandole una sepsi mortale. Trascorse otto settimane angosciose all’ospedale Royal Papworth di Cambridge, nel Regno Unito, afflitta da una grave cancrena nelle mani, nei piedi e nella punta del naso. Il corpo di Lydia era sotto shock settico.

Secondo a Metro , il marito di Lydia Dan ha detto: “Sono così grato a nel sostenete che lei è sopravvissuta contro ogni probabilità.

AVVISO IMPORTANTE! (Immagini forti di seguito)

“Mia moglie Lydia, 41enne in forma, felice e in buona salute e mamma dei nostri due bambini piccoli, si è ammalata gravemente di sepsi e di una sottostante infezione da tubercolosi.

“Ha trascorso 11 giorni in coma vicina alla morte.”

GoFundMe / Piedi e mani per Lydia
GoFundMe / Piedi e mani per Lydia

Lydia sperimentò un’estrema mancanza di respiro e una febbre alta e fu costretta a sottoporsi ad una serie di test tra cui radiografie, scansioni e broncoscopia. I medici erano scettici sulla sua guarigione, ma miracolosamente iniziò a reagire positivamente.

Dan ha spiegato: “Si è trovata di fronte all’insorgenza della cancrena secca in entrambi i piedi, in entrambe le mani e anche sulla punta del naso. Ad un certo punto durante la prima settimana, la maggior parte del suo viso era diventato blu e nero, ma per fortuna, questo si risolse quando i dosaggi della medicina si ridussero man mano che riacquistava le forze.

“A un certo punto Lydia aveva 15 diverse gocce e linee endovenose che entravano e uscivano dal suo corpo. Era su un ventilatore, una macchina renale e l’ECMO (Extracorporeal Membrane Oxygenation), oltre a essere trattata da un cocktail di vari farmaci e nutrita con diverse sostanze nutritive.

“Questi erano tutti gli elementi necessari per tenerla in vita ma tristemente, a seguito del trattamento per la sepsi, era arrivato il momento di limitare crudelmente il flusso sanguigno alle sue mani e dei suoi piedi.”

GoFundMe / Piedi e mani per Lydia

“Ha dovuto amputare entrambe le gambe sotto il ginocchio, insieme all’amputazione della mano destra sul polso e delle dita della mano sinistra, subendo cinque operazioni importanti nelle ultime sette settimane.”

Lydia fu confinata in una stanza di isolamento per sette settimane e combatté contro altri problemi di salute.

“Il team ECMO aveva svolto il proprio lavoro e quando Lydia si è svegliata dal coma 11 giorni dopo, era completamente inconsapevole degli eventi precedenti”, ha dichiarato Dan.

Dopo otto settimane, la 41enne è stata in grado di tornare a casa e iniziare i suoi due mesi di riabilitazione. Ora, Dan e i due figli della coppia, di 9 e 11 anni, stanno lottando per riportarla alla vita quotidiana.

La famiglia ha creato una pagina GoFundMe nel tentativo di raccogliere fondi per le protesi. Dan ha dichiarato: “Nonostante gli eventi chiaramente devastanti e traumatici degli ultimi sette mesi, è importante per me poterti dire che Lydia è stata incredibilmente coraggiosa e con una mentalità straordinariamente forte.

“È stata e rimane davvero fonte di ispirazione, ha dimostrato di essere davvero una persona straordinaria.”

Dopo tutto quello che Lydia ha passato, merita una buona svolta. Stiamo inviando pensieri e preghiere per la sua guarigione!

Condividi questo articolo per diffondere la sua storia!