DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Gennaio 23, 2020

Redazione DonnaWeb

Madre 29 enne, strangolata dal partner mentre la figlia era nella stessa stanza

Una donna di 29 anni è stata strangolata dal suo partner mentre sua figlia era nella stanza, secondo quanto riferito da Mirror.

La vittima Kayleigh Hanks, 29 anni, è morta per le ferite riportate dopo l'attacco a casa sua a Bexhill, nell'East Sussex.

I pubblici ministeri affermano che il suo compagno Ian Paton si è ferito volutamente creando la scena in modo che sembrasse che la signora Hanks lo avesse attaccato con un coltello.

Pubblicità

Il commesso Paton, 36 anni, nega di aver ucciso isua moglie nella notte del 20 luglio dell'anno scorso.

Hove Crown Court, la figlia di sette mesi della coppia, era nella stanza quando è successo.

Il procuratore Alexandra Healy QC ha dichiarato alla giuria: "Nel corso della loro relazione Kayleigh ha detto a un certo un numero di sue amiche, che l'imputato era violento nei suoi confronti.

L'omicidio è avvenuto nella casa della signora Hanks a Bexhill, nel Sussex

La giuria ha sentito che una volta Paton le ha afferrato la testa e l'ha sbattuta contro un cruscotto di un'auto, e in un'altra occasione l'ha trascinata fuori da un'auto per i suoi capelli.

Emma Hanks, sua sorella, ha affermato di essere turbata quando ha visto Paton chiedere che la signora Hanks si mettesse in ginocchio e dichiarasse il suo amore per lui.

Il 20 luglio, dopo aver visitato sua sorella, Kayleigh Hanks e l'imputato sono partiti per casa con la figlia verso le 18.30 circa.

Alle 21.33 del 21 luglio, Paton chiamò la polizia.

La polizia sulla scena del crimine l'anno scorso

Disse al gestore della chiamata: "Voleva uccidermi, aveva un coltello. Mi sono difeso, adesso si trova sul pavimento.

"Penso di essermi difeso con maniere troppo forti, non sta respirando"

Il tribunale ha sentito che quando la polizia è arrivata nell'appartamento hanno trovato Paton in piedi sulla porta ad aspettarli.

Il procuratore Healy ha dichiarato: "L'imputato afferma di aver agito per legittima difesa quando ha strangolato Kayleigh Hanks, ed era molto più grande di lei.

"Era tutta una messa in scena. Si è tagliato per far sembrare che fosse stato ferito da Kayleigh che gli brandiva il coltello.

"Ha iniziato a gettare le basi per questa autodifesa, tagliandosi con il coltello e posizionando il coltello vicino al corpo di Kayleigh."

La corte ha sentito che a seguito di un intervento chirurgico dopo una precedente gravidanza extrauterina alla signora Hanks è stato detto che non poteva avere figli.

Tuttavia in seguito rimase incinta di Ava e fu "al settimo cielo", la corte sentì.

Parlando da dietro uno schermo, sua sorella Emma Hanks ha detto: "Era molto, molto felice ma anche ansiosa allo stesso tempo".

Il processo continua.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram