L’uomo stupra sua figlia violentemente – Il verdetto del giudice ha suscitato scandalo nel mondo

Molte persone hanno la fortuna di aver avuto un’infanzia felice e di essere al sicuro con i loro genitori.

Perché nulla è così importante come nei primi anni di amore da ricevere da parte dei genitori, in modo che lo sviluppo del figlio non sia influenzato negativamente.

Ma purtroppo ci sono sempre casi di abuso nelle famiglie e questi accadono spesso per anni, se non per tutta la vita, tenuti segreti e solo in età avanzata, le vittime osano finalmente uscire allo scoperto.

A Zwickau, in Germania, un simile caso divenne pubblico, il che scioccava sia la corte che il pubblico mondiale. Ma ancora di più ha scioccato il verdetto finale.

Trascende l’immaginazione umana per mettersi nella posizione di una vittima di abuso. Soprattutto quando il colpevole è tuo padre, colui che dovrebbe insegnarti a vivere.

Maggiore è il merito quando si ha il coraggio di consegnare il padre alla giustizia e di andare al pubblico condividendo la propria storia di sofferenza.

Questo è ciò che la figlia Peggy ha osato fare, secondo bild, il cinquantenne Mike S., il padre biologico, portava la figlia su un molo per violentarla diverse volte quando aveva undici o dodici anni. Sfortunatamente, questo crimine è stato ripetuto anche all’età di 13 anni.

Trattamento di fine rapporto per la figlia

Per evitare la prigione, si offrì di pagare alla sua figlia di 31 anni una somma di € 5.000 “di danni” entro la fine di agosto.

Il giudice 63enne Stefan Noback, generalmente noto per i suoi giudizi severi, ha accettato la richiesta del procuratore. In precedenza aveva richiesto due anni di libertà vigilata, il che significa che Mike S. non andava comunque in prigione.

Il giudice ha giustificato la sua decisione come segue:

“Raramente è stato così difficile per noi prendere una decisione del genere. Ho fatto qualcosa che non mi è permesso fare. Ho chiesto a Peggy se la richiesta dell’imputato era una punizione consona alla sua richiesta. Voleva che le credessi e che sia fedele a ciò che aveva subito. “

Una pena molto lieve per l’imputato

Dopo questa affermazione, Stefan Noback si rivolse nuovamente all’imputato:

“Resta un atto criminale. Ma non ti ho condannato la vita. Abbiamo dovuto pensarci molto per il verdetto. Paga € 5.000 entro il 31 agosto. “

Da questo verdetto emerge chiaramente che Mike S. non dovrà mai andare in prigione per i suoi atti di stupro; rimanendo un uomo libero.

Non puoi guardare nella testa della povera figlia, ma probabilmente vuole chiudere questo capitolo e non portare ancora più questo fardello.

Dopotutto, ottiene un risarcimento, che viene misurato in termini di atto, ovviamente, in qualche modo un risarcimento secondo il giudice ragionevole, anche se il web non è stato d’accordo.

Condividi questo articolo se, secondo te, gli stupratori dovrebbero essere puniti con pene più severe.