L’INIZIO E LA FINE – PARTE 1 ALCUNE PERSONE RESTANO CON NOI PER SEMPRE

E così mi persi, non ricordo come fu possibile, stavo camminando assorta tra i pensieri, le gambe avanzavano da sole e quando decisero di fermarsi non sapevo più in che luogo mi trovavo.
C’erano degli alberi, un piccolo sentiero che dava su una strada sterrata e qualche uccellino che svolazzava mentre i raggi del sole cercavano di farsi spazio tra un ramo e l’altro.

Quella giornata era iniziata in modo strano: una telefonata anonima e qualche respiro, poi come da rituale, misero giù lasciandomi con tanti dubbi e molte speranze.
Decisi di sedermi ai piedi di un albero e respirai forte l’aria fresca di quella giornata primaverile di maggio, iniziai a pensare che ne era passato di tempo dall’ultima volta che aveva fatto una lunga passeggiata all’aperto, non amavo particolarmente muovermi.

La verità è che ero sempre stata molto pigra, doveva esserci un motivo particolare se all’improvviso decidevo di prendere e andare via e camminare ore e ore senza accusare la minima fatica.
Cosa era successo quella mattinata di diverso dal solito? Tra un respiro e l’altro di quella persona anonima che, da sei mesi continuava a chiamare puntualmente tutti i giorni alla stessa ora, sentì un suono, qualcosa di impercettibile a chiunque ma che io stranamente riuscì a captare.



Un sospiro. Non uno qualsiasi, era quello che si fa quando si tenta in tutti i modi di trattenere le lacrime, quando si ha paura che dall’altra parte del telefono l’altra persona riesca a scoprirle.
Ed è per quel sospiro colmo di lacrime che mi trovo qui, su una strada sconosciuta a fissare le punte delle mie scarpe e a chiedermi perché mi trovavo li, in un luogo sconosciuto.

Già perché quelle lacrime trattenute valgono più di mille parole, perché dietro quei silenzi che vanno avanti da sei mesi , si nasconde il motivo delle mie gioie più grandi e del dolore più straziante che io abbia mai provato nella mia vita.

Quell’amore e quel dolore sono riassumibili in poche lettere, un nome che rimarrà per sempre impresso a fuoco sul mio cuore….

to be continued…

LEGGI LA MIA STORIA VERA: 

Incinta di 8 mesi disse il medico: “si auguri che sua figlia nasca morta” –