L’infermiera sbaglia diagnosi al momento dell’accettazione, bimba di 10 anni muore nel sonno

Davvero molto commovente la storia che stiamo per raccontarvi che ha come protagonista una bambina di 10 anni la quale avrebbe dovuto e potuto sopravvivere se fosse stata individuata l’appendicite che purtroppo nel giro di poche ore l’ha uccisa. La protagonista di questa storia è come già detto una bambina di 10 anni, la quale è morta nel sonno dopo che un’infermiera non è stato in grado di capire che soffriva di una appendicite acuta. Si chiamava Mya-Louise Perri, ed era stata portata presso il Cromwell Primary Care Centre, di Grimsby, esattamente 24 ore prima di morire lo scorso 8 novembre, perché pare che la piccola presentasse Diversi  sintomi e problemi di salute. Stando a Quanto emerso dall’inchiesta effettuata in seguito alla sua morte alla bambina era stata diagnosticata una infezione del tratto urinario e nello specifico era stata un’ infermiera professionista a diagnosticarle l’infezione dando una terapia di antibiotici.

Al momento della diagnosi al pronto soccorso non pare fossero presenti medici e al padre della bambina era stato detto che la sua piccola avesse manifestato un peggioramento delle condizioni di salute e che quindi si sarebbe dovuto presentare di nuovo in ospedale. Purtroppo così la mattina seguente il padre avrebbe trovato la bambina senza vita nella loro casa di Melrose Way nella tenuta di Grimsby’s Willows. È stato poi accertato che la bambina è morta per una peritonite acuta causata proprio dell’appendicite acuta. “Una diagnosi incompleta avvenuta alle 12:30 del 7 novembre ha negato un trattamento medico ottimale che, se previsto, avrebbe potuto portare a un risultato favorevole”, è questo quanto riferito dal coroner del North Lincolnshire, Paul Kelly.


Molto probabilmente dunque se in ospedale le avessero diagnosticato questa appendicite acuta la bambina sarebbe sopravvissuta. Molto commovente il ricordo del Papa, il quale racconta che la sua piccola  avrebbe iniziato a vomitare la domenica precedente e il giorno seguente poi non si sarebbe sentita bene. Sarebbe peggiorata nella giornata di martedì la bambina che pare non riuscisse nemmeno a stare in piedi ed è stata portata in autobus al centro di pronto soccorso dove l’ infermiera come abbiamo detto le avrebbe prescritto antibiotici per una infezione del tratto urinario.

L’ultima volta che il papà ha visto la sua bambina è stato alle 19:00 del 7 novembre, quando è andato a controllarla e l’indomani mattina alle 8:30 ha fatto la drammatica scoperta. “Era una di quelle bambine che danno energia a tutti quelli che le stavano affianco. Dava il 110 per cento a scuola: le piaceva molto. Le piaceva lo sport e qualsiasi cosa in cui potesse essere coinvolta. Aveva molti amici. Era sempre aperta a conoscere tutti quelli che incontrava” ha detto papà Andrew. “Voleva essere un politico perché parlava molto e aveva un’opinione su tutto”.

fonte: newsitaliane