L’infermiera adotta una donna di 59 anni con il cancro, abbandonata al suo destino dalla sua famiglia senza cuore

Alcune persone credono che nei momenti di bisogno i parenti saranno lì per prendersi cura di noi e sostenerci. Tuttavia, non è sempre così, per svariati motivi.

Gli anziani di tutto il mondo sono trascurati dalle loro famiglie quando non possono badare a se stessi. Abbandonati al loro destino, dipendono dalla ricerca di un vero amico.

Per fortuna María Verónica, un’infermiera di 34 anni,ha deciso di adottare la signora María, una donna anziana con cancro che è stata abbandonata al destino da sua figlia, secondo La República.

María è stata abbandonata da sua figlia in un ospedale di Carangola, a Minas Gerais, in Brasile. Ha 58 anni e ha un tumore tra il cuore e il polmone.

Tutto sembrava perduto per questa donna fino a quando Veronica, un’infermiera di 34 anni, decise di adottarla e portarla a vivere con sua madre e suo figlio adolescente.

Come spiega la pagina in cui Verónica racconta la sua storia e chiede fondi per aiutarla , si sono incontrati entrambi 11 anni fa quando è andata a lavorare nella zona rurale di Carangola.

Ogni giorno l’infermiera di 34 anni saliva in moto e visitava le case degli abitanti, tra cui la signora Maria, che viveva con una figlia e un genero, scrive Antena 3. 

“La signora María è sempre stata molto comunicativa e divertente. Non aveva disturbi. Abbiamo riso molto insieme, ma lei viveva in una situazione molto precaria. Gli anni sono passati e, nel tempo, ho creato il mio legame con lei “, afferma Veronica.

Il tempo passò e Maria un giorno lasciò la vita rurale e si trasferì vicino alla casa di Veronica. Fu lì, con la vicinanza, che l’infermiera iniziò a rilevare cose preoccupanti nella vita della sua amica, legata al consumo di droga di sua figlia e suo genero.

Dopo otto mesi qualcosa preoccupò Veronica. Sua madre gli disse che cinque giorni fa non usciva fumo dalla stufa a legna della casa di Maria.

“Ero preoccupata quindi sono andato a vedere cosa stava succedendo”

Arrivata a casa, Veronica trovò le porte aperte. Anche così, entrò chiamando e cercando Maria finché non la trovò svenuta sul bordo del letto.

Veronica pensava che fosse morta, ma quando si accorse che stava respirando, la portò in ospedale. Era molto disidratata ed è stata ricoverata in ospedale per diversi giorni, scrive La República.

Non si sapeva nulla della figlia e del genero della povera María. Doveva essere lei a chiedere spiegazioni. La risposta fu che avevano altri impegni.

Trascorsero dieci giorni di trattamento quando il dottore disse qualcosa che loro non sapevano. La tomografia ha identificato un tumore nella gabbia toracica di María, situata tra il polmone e il cuore.

La donna trascorse due mesi in ospedale e in tutto quel tempo sua figlia non andò a trovarla, ma Verónica le promise che sarebbe stata al suo fianco.

Fu così che cercò la documentazione e fece firmare a sua figlia un permesso per occuparsene personalmente. La signora María ora vive con Verónica, sua madre e suo figlio di 14 anni, che si prenderanno cura di lei.

La raccolta per aiutare Doña María mirava a raccogliere 1200 dollari, ma ne hanno raccolti ben 3500..

Lo sforzo di questa giovane donna di andare avanti non solo verso la propria famiglia ma anche verso una buona amica dimostra che tutti abbiamo il potere di aiutare immensamente qualcuno. Per favore, non dimenticare di condividere questa storia per dimostrare l’immensità dell’amore che un cuore umano può ospitare.