Lenti progressive, a cosa servono? Quali sono le migliori in commercio?

Cosa sono le lenti progressive? A cosa servono? Quali scegliere? In questo articolo risponderemo a queste domande.

lenti-progressive

Dopo le prime lenti progressive che per più di 30 anni sono state costruite con la progressione di potere sulla superficie esterna, è arrivata la lente progressiva creata da Seiko nel 1998 realizzata sulla superficie concava.

Oggi le lenti progressi in commercio sono:

– lenti progressive con progressione di potere sulla superficie convessa;

– lenti progressive con progressione di potere sulla superficie concava;

– lenti progressive con addizione di potere ripartita su entrambe le superfici;

– lenti progressive con progressione di potere sul meridiano verticale realizzata sulla superficie convessa e sul meridiano orizzontale sulla superficie concava;

– lenti progressive con progressione di potere fissa sul meridiano verticale della superficie convessa, compensata sui due meridiani della superficie concava.

Quali sono le migliori?

Le migliori sono quelle con progressione di potere sulla superficie interna, mentre la progressione esterna solitamente appartiene alle lenti comuni.

Il modello di lavorazione delle lenti progressive è il free form che dona comfort alla lente, ma ovviamente le migliori sono quelle che hanno questa tecnologia su tutte le superfici.

Molto importante è il prisma di bilanciamento, le migliori lenti sono quelle che presentano un prisma lavorato tenendo conto della forma sagomata della lente e dei parametri costruttivi.

Altra caratteristica essenziale è l’inset variabile, importante per avere il massimo comfort; rivolgetevi al vostro ottico di fiducia che vi aiuterà nella scelta.