Lei viene definita la bambina più bella del mondo a soli 5 anni! – Le foto virali hanno lasciato il web a bocca aperta

Quando si tratta dei nostri figli , a tutti noi piace pensare che siano le cose più belle che ci potessero capitare nella nostra vita.

Certo, abbiamo la tendenza ad essere un po ‘di parte, in base al fatto che siamo … beh, i loro genitori. Li amiamo sopra ogni altra cosa, quindi è abbastanza ragionevole che li consideriamo attraverso occhiali colorati di rosa.

Ma nessuno può negare che una bambina di cinque anni originaria della Nigeria sia di una bellezza sorprendente, con molti che la definiscono “la più bella del mondo”.

Quando la fotografa Mofe Bamuyiwai ha condiviso le foto della piccola Jare Ijalana sui social, non avrebbe mai potuto aspettarsi un successo incredibile. Le immagini sono diventate rapidamente virali, con le persone che in gran parte hanno commentato quanto naturalmente sia bella Jare.

Finora i tre post si sono accumulati su Instagram oltre 70.000 Mi piace, e non è poi così difficile capire perché.

Bamuyiwa ha intitolato uno degli scatti: “Voglio ritrarre l’intreccio tra la sua infanzia e l’età adulta, quindi entrambi rimangono senza tempo! Avrei potuto farla sorridere o farla ridere ad alta voce, ma l’ho colta nei suoi momenti naturali per farci vedere attraverso i suoi occhi la sua bellezza innocente e travolgente!

“Tutto quello che voglio è che tutti vedano la bellezza latente di Jare. … Voglio che la foto le parli quando ha raggiunto l’età adulta. “

Sembrerebbe che il tratto fotogenico funzioni nella famiglia. Anche le sorelle maggiori di Jare, Jobi di 7 anni e Joba di 10 anni, sono state fotografate da Mofe, e sono tutte apparentemente altrettanto memorabili per la loro indiscutibile bellezza.

Tutti i bambini sono belli a modo loro, e tutti meritano di esserlo. Detto questo, sembra che Jare abbia un futuro brillante davanti a sé quando si tratta di farsi fotografare.

Lasceresti che tuo figlio diventi un modello?

Nel frattempo, se pensi che Jare sia bellissima, condividi questo articolo su Facebook.