LE VECCHIAIA ARRIVA PER TUTTI, ECCO COME AFFRONTARLA SERENAMENTE

Ti capita di addormentarti davanti alla tv, di dimenticare il nome delle persone e addirittura della tua famiglia? Allora vuol dire che si sta invecchiando, che gli anni passano e che purtroppo c’è bisogno di adattarsi alla nuova condizione.

Amour-Michael-Haneke-terribile-e-delicato-nel-suo-ritratto-di-vecchiaia_h_partb

Il tempo passa veloce e ci si accorge del suo trascorrere quando si fa caso ad alcuni segni inequivocabili: i capelli si diradano, anche se questo potrebbe essere un problema genetico e quindi non rapportabile all’età.

Ognuno vive il tempo a modo suo, c’è chi pensa di esser vecchio a 45-50 anni e chi invece crede di avere ancora tanto davanti a sé, c’è chi si rende conto che il tempo passa quando si rende conto di non poter più fare niente con disinvoltura.



La cosa importante, in tutti i casi, è accettare il nuovo o  meglio, il vecchio che avanza senza farsene un grande problema, altrimenti si richiesta di morire prima del tempo e di invecchiare dentro prima che fuori.

Secondo un sondaggio, l’80% degli intervistati ritiene che si è vecchi solo quando lo si avverte dentro, quando si ha coscienza di esserlo o quando si ritiene di esserlo; nella maggior parte dei casi, dentro si è sempre giovani, si guarda al futuro anche se spesso si pensa al passato e ai legami che non ci sono più.

A volte è che anche il passaggio delle decine a far scattare qualcosa dentro, quando si fa 59 anni si pensa di essere dei cinquantenni, poi a 60 anni invece si cambia del tutto opinione.

Altri segnali importanti sono la difficoltà ad accettare e convivere con le novità tecnologiche, così come iniziare a guidare con prudenza e a bassa velocità , a iniziare a lamentarsi per tutto, soprattutto di chi ci disturba, inoltre, cosa molto comune a tutti coloro che stanno invecchiando, la lacrimuccia facile, commuoversi anche per le cose più banali.

Tuttavia, sembra che la vera vecchiaia arriva quando si perde il proprio partner della vita, quando si resta soli e ci si rende conto che il tempo che resta è poco, anche se non è dato mai sapere quando effettivamente sarà.

La soluzione migliore è quella di trovare un amico con cui dividere i propri sogni, un amico da accudire e curare, un cane o un gatto, che sapranno rendere più sereno il tempo che resta.