LE PROPRIETA’ BENEFICHE DELLE ZAFFERANO E GLI EFFETTI COLLATERALI

Oggi parliamo dello Zafferano, una delle spezie più usate per condire i cibi, ricavata da una pianta il cui nome botanico è Crocus Savitus, appartiene alla famiglia delle Iridacee e fiorisce in inverno, soprattutto nei luoghi in cui il clima è molto piovoso.

In Italia la sua coltivazione avviene in Umbria, Sardegna, Marche e Abruzzo; della spezia vengono utilizzati gli stimmi, che una volta raccolti vengono essiccati e ridotti in polvere, prendendo la forma che troviamo nel supermercato nelle bustine e che hanno un prezzo alto rispetto ad altre spezie che utilizziamo solitamente in cucina.

zafferano1Le proprietà benefiche dello zafferano

Lo zafferano oltre ad essere una spezia utilizzata molta in cucina, viene usata anche per i suoi scopi curativi; si tratta di un antidepressivo naturale che secondo le popolazioni arabe, avesse anche forti proprietà afrodisiache.


In entrambi i casi, lo zafferano contiene dei particolari principi attivi che hanno degli effetti benefici sul nostro sistema nervoso, nell’antichità, veniva usato anche per i disturbi respiratori e come rimedio per le ulcere allo stomaco. Ottimo anche come antiossidante.

Nutrizionalmente, lo zafferano è composta da acqua, fibre ceneri, grassi, carboidrati e proteine, oltre che da vari minerali come calcio, sodio, fosforo, ferro, potassio, magnesio e manganese, ricco di vitamina A, Vitamina C e varie Vitamine del gruppo B.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Anche se ha diverse proprietà benefiche, lo zafferano viene usato poco nella medicina di oggi per via della sua elevata tossicità, non a caso, nell’antichità veniva usato come rimedio naturale abortivo, per questo motivo, la sua assunzione viene sconsigliata alle donne in gravidanza e in generale, si consiglia moderazione anche in cucina.

FONTE