Le gemelle sono nati prematuramente – Poco dopo, il dottore torna nella stanza e dice: “Mi dispiace per lei”

Sebbene abbiamo fatto grandi progressi in medicina e possiamo sapere molto sul nostro bambino anche prima che nascesse, la natura ci sorprenderà sempre.

La coppia inglese Nicole e Todd Bailey erano già orgogliosi genitori di un bambino di quattro anni, Lucas, quando hanno ricevuto la buona notizia …

Nicole era di nuovo incinta.

Ho avuto una strana sensazione quando il mio pancione cresceva molto più velocemente rispetto alla mia precedente gravidanza“, ha detto Nicole sostenendo che si sentiva molto male, riferisce Inside Edition .

YouTube

Ma molto presto sono stati scoperti i sintomi di Nicole: non si aspettava solo una bambina, era incinta di gemelle.

Nicole ha rotto le acque dopo solo 32 settimane, ma i dottori di talento sono stati in grado di fermare le contrazioni. Le due bambine, Harper e Quinn, furono in grado di rimanere nel grembo materno per un’altra settimana prima di nascere.

YouTube

Appena li ho visti entrambi, mi sono sciolta. Erano entrambe così belle “, ha detto Nicole.

Poiché le bambine sono nate prematuramente, sono state rapidamente curate da un medico. Ma appena 30 minuti dopo la nascita di Harper, il dottore tornò nella stanza di Nicole e disse: “Mi dispiace. “

YouTube

Gravidanza normale

Sospettavano che Harper avesse la sindrome di Down, cosa che i test successivi hanno purtroppo confermato.

Nulla in gravidanza era stato fuori dall’ordinario ed i genitori non sapevano affatto che una delle bambine aveva un cromosoma in più fino alla sua nascita, 38 minuti dopo sua sorella Quinn.

YouTube

“La nostra famiglia è unica e non la cambierei per nulla”, ha detto Nicole.

“Harper è Harper e Quinn è Quinn”, ha aggiunto. “Non sono le stesse, quindi cerco di non confrontarle, per quanto sia difficile. “

YouTube

Nicole, che è un infermiera, ora spera di sensibilizzare sulla sindrome di Down, che causa, tra l’altro, una varietà di ritardi intellettuali e alcune limitazioni fisiche.

Per favore, condividi questo articolo con i tuoi amici su Facebook per aiutare Nicole a diffondere il suo importante messaggio sulla sindrome di Down.