Le bibite gassate aumentano il rischio di depressione

Bere bibite gassate e zuccherate, in particolare quelle “diet” possono causare depressione soprattutto negli adulti, per combattere questa patologia è meglio scegliere il caffè.

Ad affermarlo è uno studio condotto dal National Institutes of Health: “Le bevande dolcificate, il caffè e il tè sono comunemente consumate nel mondo e hanno conseguenze importanti, sul piano fisico e su quello mentale”.


Questo è quanto detto da Honglei Chen, membro della American Academy of Neurology e principale autore di uno studio eseguito tra il 1995 e il 1996 su 263.925 individui di età compresa tra i 50 e i 70 anni.

Nello studio è stato preso in analisi il consumo di tè, drink , soda e caffè, dopo circa dieci anni gli studiosi hanno verificato tutti i casi di depressione tra i volontari a partire dal 2000, le diagnosi erano state ben 11.311 e le persone che bevevano più di 4 lattine al giorno di soda aveva il 30% in più di possibilità di sviluppare il disturbo rispetto a chi invece non le consumava.

Quelli che bevevano 4 bicchieri di punch alla frutta avevano il 38% in più di rischio rispetto a chi preferiva una tazza di caffè, questi ultimi avevano solo il 10% di possibilità di ammalarsi di depressione.

Insomma, meglio optare per altri tipi di bibite e se proprio non riuscite a farne a meno, cercate di limitarne il consumo.