DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Luglio 11, 2018

Redazione DonnaWeb

L'agghiacciante storia di Alice Ruggles, l'ex ragazzo le ha tagliato la gola sei volte

Non riusciva ad accettare la fine del loro rapporto conclusosi da pochi mesi, Trimaan 'Harry' Dhillon,  caporale con sede in una caserma di Edimburgo, ha molestato e inseguito la 24enne laureata alla Northumbria University, Alice Ruggles per tre mesi prima di tagliarle la gola per ben sei volte nel suo appartamento.

"Avevo letto un sacco di cose sui pericoli dello stalking, ma in qualche modo pensavo che fosse solo un ragazzo che non voleva andarsene - e non era uno stalker", dice la mamma di Alice, Sue Hills.

"Una delle ultime cose che ho detto ad Alice prima che morisse è stata semplicemente: ignoralo e alla fine ti lascerà in pace e se ne andrà ".

Pubblicità

Harry Dhillon aveva inseguito Alice per mesi prima di ucciderla nel suo appartamento a GatesheadPA:

Harry Dhillon aveva inseguito Alice per mesi prima di ucciderla nel suo appartamento a Gateshead
la morte scioccante di Alice è rivisitata in un commovente e stimolante documentario di Canale 5 che ripercorre i mesi precedenti a quella notte fatale.

Mostra quanto velocemente Harry sia stato in grado di trasformarsi da ragazzo apparentemente amorevole in assassino, qualcosa che nessuno avrebbe potuto prevedere. "Nessuno poteva immaginare di cosa fosse capace", la migliore amica Maxine McGill ha scoperto il corpo senza vita di Alice nel loro appartamento a Gateshead meno di un'ora dopo essere stata uccisa.

La terza di quattro figli di una famiglia unita e affettuosa, Alice stava lavorando per la televisione Sky quando Dhillon, che lavorava nella caserma di Edimburgo, la contattò su Facebook tramite un amico comune dopo aver individuato la sua foto sul social network. La relazione divenne presto seria. "Era assolutamente infatuata e innamorata persa, avrebbe fatto di tutto per lui", ricorda Maxine.

Poi, all'inizio di luglio 2016, Alice scoprì che Dhillon aveva inviato un messaggio a un'altra ragazza nell'app di appuntamenti Tinder e, non potendo accettare le sue scuse e bugie, pose fine alla relazione.

Alice ha bloccato il suo numero, ma Dhillon ha trovato il modo di aggirarlo, contattando la sua famiglia e gli amici e hackerando i suoi account sui social media. La famiglia credeva che Alice aveva iniziato a uscire con qualcuno di nuovo - un amico di Emma chiamato Mike.
Il suo ex, Dhillon, aveva allontanato Alice dai suoi amici, compresi i suoi ex coinquilini.
I messaggi e le chiamate di Dhillon aumentarono con grande frequenza, lasciando Alice visibilmente stressata e, infine, "congelata dalla paura" dopo che Harry si presentò senza preavviso - compiendo un viaggio di andata e ritorno di 200 miglia per lasciare cioccolatini e fiori sul davanzale della finestra.

Dopo che se ne andò, lasciò una agghiacciante messaggio sulla segreteria telefonica dicendole che aveva portato i regali "per dimostrarti che non volevo ucciderti".

È stato sufficiente a convincere Alice a chiamare la polizia, che a sua volta ha emesso un avviso che gli chiedeva di interrompere i contatti con la ragazza. L'avviso non ha alcun potere legale, anche se Alice ha pensato che sarebbe stato sufficiente per porre fine alle sue torture.

"Ho iniziato a vedere la vecchia Alice, la vivace e felice ragazza fortunata che è sempre stata", ricorda Maxine.

Solo una settimana dopo, però, Alice tornò a casa e trovò un pacco spedito da Harry contenente una lettera e alcune foto.

Fu una violazione diretta della richiesta, e Maxine, perplessa, chiamò la polizia una seconda volta. In questa occasione si mostrarono meno disponibili.

"Le dissero, cosa vuoi che facciamo? Lo arrestiamo?'", Ricorda Maxine. "Le parole esatte di Alice per me erano 'Ma dice sul serio? Solo quando arriverà e mi ucciderà lo prenderanno sul serio? "

Le sue parole si dimostrarono terribilmente veritiere: tre sere dopo, il venerdì 12 ottobre 2016, Harry Dhillon fece ancora una volta il viaggio di andata e ritorno da casa sua per trovare Alice.

Qualche tempo dopo le 17.30, ha fatto irruzione nel suo appartamento e, dopo averla costretta a terra, ha tagliato la gola sei volte da dietro, lasciando il suo corpo steso in una pozza di sangue sul pavimento del bagno, dove la sua coinquilina inorridito e traumatizzata l'avrebbe trovato meno di un'ora dopo. Tale era il livello di violenza che l'avvocato Richard Wright QC, che avrebbe continuato a perseguire Dhillon, descrive la scena come "una delle più inquietanti che abbia mai visto in vita sua".

"Alice è stata efficacemente braccata e giustiziata", aggiunge.


I genitori devastati di Alice, Clive Ruggles e Sue Hills, chiedono leggi più severe sullo stalking
Dhillon ha continuato a professare la sua innocenza dopo il suo arresto, insistendo sul fatto che amava Alice - un patetico ritornello che ha mantenuto fino al suo processo, dove si è dichiarato non colpevole.

Quasi due anni dopo, la famiglia e gli amici di Alice stanno ancora lottando per venire a patti con la loro perdita.

Dhillon è stato condannato a 22 anni di carcere per l'omicidio di Alice Ruggles ma i genitori non sono ancora completamente soddisfatti della sentenza e giurano che andranno avanti e non si fermeranno fino a quando giustizia non sarà fatta.

 

fonte:https://www.thesun.co.uk/news/6742683/alice-ruggles-murder-documentary/

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram