La sua bambina aveva le labbra blu e soffriva di convulsioni. Avevano ignorato il pericolo di questi seggiolini

Bastarono pochi minuti perché diventasse una trappola mortale che pochi conoscono.

Si potrebbe pensare che se qualcuno si prende il tempo di progettare oggetti, sedili, giocattoli per bambini, è ovvio che sono sicuri per i più piccoli. Soprattutto i sedili che vanno in macchina. Tuttavia, questa madre di origine scozzese, chiamata Kirsti Clarke, afferma che non è così perché queste sedie potrebbero finire per essere fatali per i bambini.

Lei e suo marito Christopher Clark hanno una bambina, Harper, di sole 3 settimane e ogni volta che la portano in macchina si fermano per portarla fuori e lasciarla respirare fuori per un pò.

Stampa al mercurio
Stampa al mercurio

Comunque, un viaggio un pò più lungo del normale durante l’ora di punta non era qualcosa che li preoccupava, ma quando notarono che le labbra della sua piccola diventarono blu e la mascella si era contratta e della schiuma uscì dalla bocca e dal naso, dovettero muoversi velocemente.

Presero Harper e corsero in ospedale dove fortunatamente i dottori furono in grado di rianimare la bambina.

Stampa al mercurio

Li vennero avvertiti che era pericoloso avere un bambino su questi seggiolini per più di un’ora perché riduce il loro ossigeno a causa delle loro dimensioni.

E Kirsti è determinato a far sapere a tutti i genitori e ai futuri genitori che sono a rischio a causa di qualcosa che dovrebbe essere sicuro.

Stampa al mercurio

«È stato così spaventoso. Mio marito l’ha presa e le ha dato una pacca sulla schiena e ho provato ad aprire il suo matrimonio per assicurarmi che deglutisse ma i suoi denti erano molto stretti. Non erano convulsioni normali, anche lui piegava la schiena e la testa”, ha detto al Daily Record.

Mentre Harper era in buona salute e le sedie sono ancora sicure secondo i medici, non è mai sicuro lasciare un bambino al suo interno per più di 1 ora e molto meno 2 ore.

Stampa al mercurio

Tuttavia, molti non ne avevano idea e l’idea di Kirsti è di dirlo il più possibile in modo che le persone siano consapevoli dei rischi.