DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Luglio 23, 2019

Redazione DonnaWeb

La sposa distrutta indossa il suo abito e piange sulla tomba del fidanzato ucciso poche ore prima del matrimonio

Molte donne sognano il giorno del loro matrimonio sin dalla tenera età. 

Per me, è stata considerata per sempre la possibilità di essere una principessa per un giorno. Per vestirsi di bianco, attira l'attenzione di tutti gli occhi della chiesa e prometti eternamente a quello che amerai per sempre

Come molti altri, avevo immaginato ogni minimo dettaglio nella mia testa centinaia di volte. Immaginavo i mazzi di bellissimi fiori e i miei cari riuniti per vedermi nel giorno più importante della mia vita.

Pubblicità

Sara Baluch aveva fatto lo stesso quando doveva sposarsi. Anche il suo grande giorno le era passato per la testa, insieme a diversi scenari e stranezze che poteva solo sperare di anticipare.

Tuttavia, non avrebbe mai immaginato che avrebbe camminato per incontrare il futuro marito nella tomba, piuttosto che all'altare.

Il 9 marzo doveva essere il giorno in cui Sarah Buluch e il suo fidanzato, Mohamed Sharifi, dovevano sposarsi. Invece, Sarah si ritrovò sola con il marito deceduto poco tempo prima.

Secondo il Times Free Press , solo due settimane prima che la coppia si sposasse, il 24enne Sharifi ha incontrato uno sconosciuto per vendere la sua Xbox One nel parcheggio di un complesso di appartamenti di Hixson Pike.

Quell'uomo aveva 20 anni e si chiamava Marcus White. Quell'uomo era il suo assassino.

White è stato arrestato e accusato di omicidio giorni dopo aver sparato a Sharifi e averlo derubato.

Sara si ritrovo con il cuore spezzato. L'amore della sua vita era stato crudelmente ucciso, la sua vita era finita per qualcosa di banale come una stupida vendita di un videogioco.

Tuttavia, era risoluta nella sua posizione che avrebbe trascorso il giorno che avevano pianificato insieme al suo fianco. Nonostante i suoi piani fossero inizialmente ostacolati da forti piogge, Sara fece il lungo cammino fino alla tomba di Mohamad il giorno dopo, il 10 marzo. Si vestì come aveva sempre voluto: in abito da sposa e velo.

Incapace di combattere le lacrime, Sara singhiozzò: “Dovevamo stare insieme. Mi dispiace tanto, Mohammad. Sono così dispiaciuto. Mi dispiace tanto. Ti amo. "

Parlando al Times Free Press sulla sua relazione con Mohammad, Sara ha spiegato come fosse stata una favola, incarnata dalla determinazione di Mohammad a convincere Sara a uscire con lui.

Sara è stata la prima persona ad arrivare in ospedale il giorno in cui è stato ucciso Mohammad. Ha ricordato come seppe che qualcosa non andava immediatamente quando il personale dell'ospedale la informò che stavano facendo il possibile per salvarlo. Presto fu fermata da un'infermiera e le diede l'inconcepibile verità.

"E poi è arrivata l'infermiera. Si è seduta accanto a me", ha spiegato.

“Mi ha stretto la mano e ha detto: 'Mi dispiace così tanto. Gli hanno sparato. Non ce l'ha fatta. Era come se il mondo mi fosse crollato addosso. Sono anche svenuta. Quando mi sono svegliata, dicevo a me stessa: 'No. Questo è solo un incubo. Ci sposavamo tra due settimane. L'ho appena visto ieri sera. L'ho appena visto "."

Il mondo può essere a volte un luogo amaramente crudele, e uno è reso ancora più crudele dall'imprevedibile e decisamente spaventoso comportamento delle persone in esso. Sara avrebbe dovuto sposare la sua anima gemella, avrebbe dovuto affrontare una vita di pace e amore.

Invece, una giovane vita è stata inutilmente persa e ora Sara deve vivere la sua vita nel dolore.

Condividi questo articolo per ricordare agli altri la fragilità della vita e non darla mai per scontato. Riposa in pace, Mohammad.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram