La moglie in coma sente il marito sussurrare l’ultimo saluto – Poi lei reagisce e spiazza tutti

Questi sono i peggiori incubi che non augurano a nessuno.

Quando Steven trovò la madre di 45 anni, Lyndee, priva di sensi a casa nell’Arizona americana, fu preso dal panico.

Chiamò immediatamente un’ambulanza e Lyndee fu portata d’urgenza in ospedale.

Ma i dottori diedero una tragica notizia.

Per cinque giorni, Lyndee è stata colpita da convulsioni – prima di rimanere in coma per 12 giorni, scrive Mirror .

Lyndee Brown Pellettiere-Swap, coma
Lyndee Brown Pellettiere-Swapp con i suoi figli (Foto:  Facebook )

Il marito di Lyndee, Steve, la figlia Amanda e il figlio Steven speravano in un miracolo.

Ma i dottori dissero che non c’era altro da fare. Dodici giorni strazianti dopo il tragico incidente, è stato consigliato alla famiglia di spegnere il supporto vitale.

Era una decisione che nessuna famiglia avrebbe dovuto prendere. Ma sapevano che Lyndee sarebbe diventata donatrice di organi, il che ha reso le loro decisioni un po ‘più facili.

La mia famiglia sa che sono molto entusiasta della donazione di organi, quindi quando i miei organi hanno iniziato a collassare, hanno preso la decisione – volevano staccarmi la spina”, ha spiegato Lyndee in seguito.

La decisione difficile di spegnere la macchina fu presa per onorare ciò che la famiglia pensava fosse il desiderio di Lyndee.

Lyndee Brown Pellettiere-Swap, coma
Lyndee Brown Pellettiere-Swapp con suo marito Steve (Foto:  Facebook )

Uno ad uno, i membri della famiglia hanno visitato Lyndee per salutarla definitivamente.

Ciò che la famiglia, d’altra parte, non aveva idea era che Lyndee sentisse ogni parola.

Sebbene non potesse muoversi o parlare, a volte era consapevole delle cose e delle impressioni che stavano accadendo intorno a lei.

Ricordo le persone che parlavano con me”, dice successivamente Lyndee. “Ricordo quando la gente venne a trovarmi, ricordo che mia nipote mi leggeva qualcosa”.

Il marito di Lyndee fu l’ultimo a salutare e sussurrò a sua moglie. “Sei una guerriera. Ho bisogno di un tuo ultimo sforzo.”

Lyndee, incapace di muoversi – ancora meno parole – era consapevole di ciò che le stava accadendo intorno. 

Sapeva che aveva bisogno di parlare per salvarsi la vita, ma ci provò e fallì.

Lyndee Brown Pellettiere-Swap, coma
Facebook / Lyndee Brown Pellettiere-Swapp

“Nella mia testa era molto chiaro quello che stavo dicendo, ma loro ovviamente non mi potevano sentire”, ha spiegato.

Alla fine il destino volle che riuscì finalmente a dire alcune parole.

Sono una guerriera” sussurrò Lyndee.

La sua famiglia rimase scioccata.

Steve si precipitò immediatamente a chiamare il dottore.

“Mio marito ha detto: ‘Di al dottore di annullare tutto'”, ricorda Lyndee.

Contro ogni previsione e giudizio medico, Lyndee era tornata, totalmente in salute, scrive  AZ Family .

Avevano appena spento il respiratore e ora l’amata moglie e madre era viva! Non era altro che un miracolo.

L’ho guardata, ha detto” Ciao “e mi sono appena inginocchiata”, dice la figlia di Lyndee ad Amanda con le lacrime agli occhi mentre spiega del suo crollo dopo aver vissuto lo shock della sua vita.

Lyndee Brown Pellettiere-Swap, coma
Facebook / Lyndee Brown Pellettiere-Swapp

Lyndee lascerà l’ospedale in seguito, ma il suo viaggio verso una vita normale non dovrebbe essere facile.

Prima di tutto, ha dovuto imparare a camminare e mangiare di nuovo.

Nonostante il suo incredibile miglioramento, Lyndee soffriva di una serie di problemi di salute e complicazioni.

“Mi hanno lasciata con le cure a casa per continuare a imparare tutto”, dice.

Aveva anche bisogno di quattro interventi chirurgici e visite in ospedale, ed era affetta da sindrome da stress post-traumatico.

Sono trascorsi quattro anni, ma Lyndee Brown non ha ancora “nessuna risposta” sul perché, sia rimasta incosciente o su come si sia ripresa.

Solo perché sei in coma non significa che non puoi sentire“, dice a  CBS 5 in Arizona .

Lyndee Brown Pellettiere-Swap, coma
Facebook / Lyndee Brown Pellettiere-Swapp

Quindi dovresti parlare con i tuoi cari se finisci in una situazione del genere. Ti sentono ”.

La sua esperienza ha anche lasciato la famiglia di Lyndee con un messaggio importante per gli altri.

Tutto può essere preso da te. Puoi svegliarti un giorno e tutto va bene e in seguito la tua vita è un inferno.

“Tieni la tua famiglia vicina e non lasciarla andare. Non ho dato per scontato che potevo tornare a casa e abbracciare mia madre “, dice il figlio di Lyndee, Steven.

Ogni giorno torno a casa dal lavoro, la vedo e le parlo“, continua Steven.

Che toccante storia. Se hai una persona cara che finisce in coma, ricorda che potrebbero sentirti. Dì loro quanto li ami e che devono combattere. 

E non dimenticare di abbracciare i tuoi cari e ricordare agli altri di fare lo stesso, perché non sai mai quando potrebbe essere la tua ultima possibilità. 

Per favore condividi questo articolo su Facebook se anche tu sei rimasta toccata da questa storia.