La mamma vende i suoi due neonati gemelli per 9mila dollari per pagarsi le bollette e debiti del gioco d’azzardo

Ci sono pochissime cose che non farei per proteggere i miei bambini da eventuali pericoli.

Il mio legame con loro è così forte che l’idea stessa di separarmi da loro per un periodo di tempo prolungato mi riempie di terrore. Ora so che questo è un pensiero comune; So di non essere l’unica.

Purtroppo, tuttavia, non tutti i genitori la pensano allo stesso modo.

Secondo quanto riferito, una mamma di gemelli neonati in Cina li ha venduti per $ 9.100 per pagare le bollette accumulate sulla sua carta di credito … e per acquistare un nuovo telefono.

Secondo quanto riferito, i piccoli – che avevano ancora meno di due settimane – furono separati e venduti a due diverse famiglie che vivono a più di 430 km dalla città natale della loro madre biologica.

Fortunatamente, la polizia ha preso atto di ciò che era accaduto e ha arrestato sia la mamma che il suo partner. I bambini, nel frattempo, sono stati recuperati e consegnati ai nonni.

Credito: EtToday

La polizia dice che i gemelli hanno avuto un inizio difficile di vita. Sono nati prematuri e messi in delle incubatrici, mentre il compagno della loro madre, Wu, non si è nemmeno presentato in ospedale.

Come risultato di avere poco supporto, la mamma, di nome Ma, vendette entrambi i piccoli per una somma combinata di 110.000 yuan ($ 9.100 dollari). Ha poi affermato di averlo fatto solo perché era “senza un soldo e fortemente indebitata”.

Asia One ipotizza che la sua famiglia non abbia avuto un aiuto perché hanno disapprovato la sua gravidanza prematrimoniale.

MailOnline sostiene che Ma ha speso i soldi che ha ricevuto, mentre Wu ha chiesto di usare i profitti per pagare i suoi debiti di gioco.

Il mondo è davvero un posto spaventoso. Non riesco a credere che una qualsiasi madre prenderebbe in considerazione la  vendita dei  suoi bambini perché non aveva la giusta rete di supporto.

Se sei inorridita all’idea di una mamma che vende i suoi figli, condividi questo articolo su Facebook.