La mamma muore durante il parto dopo che il dottore tira con violenza alcune parti del corpo oltre al nascituro – “Un parto mostruoso”

Una nuova mamma è morta dopo che un dottore avrebbe estratto i suoi organi dal suo corpo durante la rimozione della sua placenta dopo il parto.

Alisa Tepikina, 22 anni, è stata lasciata con “dolori lancinanti” poco dopo aver dato alla luce sua figlia dopo che il medico ha presumibilmente tirato fuori completamente l’utero.

Tragicamente, la nuova mamma, è entrata in coma e si dice che sia morta di shock per un arresto cardiaco.

Alisa, di Nizhneserginskaya, in Russia, ha avuto solo il tempo di sorridere alla figlia neonata, Anya, prima che l’ostetrico senza nome cercasse di estrarre la placenta da un utero ormai devastato.

Un investigazione durata sei mesi ha comportato l’accusa di morte per negligenza nei confronti del medico di 27 anni o potrebbe essere condannato a numerosi anni di prigione.

Alisa Tepikina è morta per sanguinamento massiccio e arresto cardiaco (Immagine: notizie east2west)

La dottoressa Elena Barannikova ha affermato che non ci sono state “azioni violente” da parte del medico, ma questo è stato respinto dagli esperti medici dopo un’esaustiva analisi, ha affermato il comitato investigativo russo.

Barannikova sostenne che si era verificata “un’inversione spontanea dell’utero” – un raro evento medico.

Nel caso di Alisa, l’indagine avrebbe rivelato che la placenta avrebbe dovuto essere staccata manualmente dal medico in anestesia.

L’estrazione non controllata o impropria del cordone ombelicale ha portato alla piena inversione dell’utero”, ha affermato una dichiarazione di esperti medici.

Gli organi femminili che furono estratti, poi spinti indietro quando era troppo tardi.

I parenti di Alisa hanno detto di aver sentito le sue urla mentre aspettavano in ospedale.

Suo padre, con il cuore spezzato, Dmitry Malyukov, 47 anni, disse: “Mia figlia soffriva, urlava di dolore.

“Ma il dottore non ha prestato attenzione.”

Elena Barannikova, capo medico presso l’ospedale del distretto centrale di Nizhneserginskaya (Immagine: NTV / notizie East2west)
Alisa ha avuto il tempo di sorridere alla figlia appena nata prima di morire (Immagine: notizie East2west)

Dmitry ha accusato il medico di “strattonare il cordone ombelicale con forza disumana”.

Ha detto che era “come qualcosa ai tempi del Medioevo”.

Il medico di turno non ha riconosciuto la complicanza potenzialmente letale della nascita”.

“Di conseguenza, l’assistenza medica è stata fornita con un ritardo incredibilmente enorme.

“L’utero è stato riposizionato solo 4 ore e 15 minuti dopo quando il sanguinamento massiccio e lo shock irreversibile si erano già sviluppati, insieme all’insufficienza cardiaca.”

Gli errori del medico presumibilmente “peggiorarono la situazione e causarono la massiccia perdita di sangue, shock irreversibile (e) complicato, insufficienza cardiaca e morte del paziente”, hanno affermato gli esperti.

Svetlana Malyukova, 42 anni, madre di Alisa, aveva chiesto il perseguimento del medico.

La famiglia di Alisa con sua figlia neonata che ora cresceranno (Immagine: notizie E1 / east2west)

Ha detto: “Non ci sono state scuse, né tentativi di contattarci. Poco dopo la tragedia sono andato in clinica perché volevo guardarla negli occhi (del dottore).

“Ha chiesto: ‘Perché sei venuta?’

“Non ho notato un solo segno di pentimento …

“Ha ucciso mia figlia.”

È stato imposto un divieto di viaggio al medico che dovrà affrontare un processo per la morte di Alisa.

Ha già affrontato azioni disciplinari, affermano i rapporti.

La piccola Anya di Alisa è ora cresciuta da sua madre e suo marito Nikolay Tepikin, 22 anni.