La mamma fa causa all’ospedale dopo che al figlio è stata diagnosticata la sindrome di Down – voleva abortire

Una madre in Inghilterra sta facendo causa al servizio sanitario nazionale dopo che il personale dell’ospedale non le avrebbe dato un test per determinare se suo figlio avesse la sindrome di Down .

Edyta Mordel, 33 anni, dice che se avesse conosciuto suo figlio, Aleksander, che ora ha 4 anni, aveva la sindrome di Down, avrebbe interrotto la gravidanza immediatamente.

Dal momento che afferma che avrebbe terminato la gravidanza, il suo caso è considerato una “nascita illegale”, secondo cui il Daily Mail ha riferito che i genitori hanno ricevuto milioni di dollari in altri casi simili negli ultimi cinque anni.

Edyta sta facendo causa al servizio sanitario nazionale per 200.000 dollari, per compensare i soldi extra che ha dovuto spendere per crescere suo figlio.

Quando Edyta ha scoperto di essere incinta nel 2014, ha detto a un’ostetrica che voleva uno screening per la condizione di suo figlio. Secondo il Daily Mail al suo secondo appuntamento, riteneva che il test fosse stato eseguito e non fosse emerso nulla di particolare.

Ma gli avvocati dell’ospedale affermano che ha rifiutato di avere il test e che il personale ha registrato tutto.

Edyta ha sempre voluto il test.

La 33enne afferma di aver trascorso del tempo a ricercare il test – c’è la possibilità che il test poteva tradursi in un aborto spontaneo – e quando è arrivato il momento sapeva che non avrebbe “preso altre decisioni”.

Il suo avvocato, Clodagh Bradley, ha detto che lo screening avrebbe indicato che il suo bambino non ancora nato aveva la sindrome di Down e che non avrebbe scelto di andare avanti con la sua gravidanza.

“Alla signorina Mordel sarebbe stato offerto un aborto e sia lei che il padre di Aleksander, Lukasz Cieciura, erano d’accordo sul fatto che avrebbero interrotto la gravidanza”.

Nel gennaio 2015, Edyta ha dato alla luce Aleksander tramite taglio cesareo. Le note mediche indicano che era “molto turbata e arrabbiata” quando ha saputo che suo figlio aveva la condizione che lei temeva.

Il caso di Edyta è ancora in corso.

Qual è la tua reazione a tutto questo? Condividi su Facebook e facci sapere.