La mamma devastata chiede alle donne in gravidanza di fare un semplice test dopo la morte del figlio di 10 giorni

Una giovane madre sta invocando un appello e spera che tutte le donne in dolce attesa ascolteranno sulla scia della perdita del bambino .

Il 22enne Kira Aldcroft ha dato alla luce un figlio, Leo, il 9 agosto 2018. Nonostante fosse prematuro di nove giorni, Leo sembrava effettivamente sano e ha rubato immediatamente il cuore di sua madre.

Dato che Kira non aveva avuto problemi durante la sua gravidanza e che la nascita di Leo non era afflitta da alcuna complicazione, era convinta che tutto era andato per il verso giusto.

Solo otto giorni dopo la nascita di Leo, tuttavia, la tragedia ha colpito il suo piccolo bambino … ora Kira sta avvertendo tutte le future mamme nella speranza che non accada di nuovo.

Il primo segnale di avvertimento arrivò quando Leo iniziò a sanguinare dalla sua bocca. I dottori pensarono che potesse essere sepsi e portarono il bambino in coma artificiale.

In seguito sarebbe emerso, tuttavia, che la causa della sua condizione era in realtà il virus Herpes HSV2, che Kira aveva inconsapevolmente trasmesso a suo figlio alla nascita.

“Ero fisicamente malata quando il test dell’herpes è tornato positivo, ero devastata, stento ancora a crederci”, ha detto la mamma a Caters News.

“Avrei potuto contrarlo prima o durante la gravidanza, in quanto può essere inattivo per mesi o anni, quindi non c’è modo di prevederlo. Non sapevo di avere il virus, poiché non c’erano altri sintomi oltre al mughetto e se mi fosse stato offerto un test durante la gravidanza, tutto questo non sarebbe successo. “

Pericolo per i bambini

Entrambi i ceppi di herpes possono rappresentare una seria minaccia per i bambini. I neonati possono accusare il virus attraverso la nascita vaginale e, in questo caso, possono mettere in pericolo la loro vita.

Nel caso di Leo, i dottori fecero tutto il possibile per salvarlo, ma alla fine i suoi organi iniziarono a cedere. Alla fine Kira fu costretta a spegnere le macchine di supporto vitale, e così il suo bambino morì solo 10 giorni dopo essere venuto nel mondo.

Ora, l’obiettivo principale di Kira è quello di rendere tutte le mamme consapevoli di ciò che ha passato, in modo che possa essere prevenuto in futuro.

“Spero che condividere la storia di Leo salverà altre vite”, ha detto.

Stiamo facendo del nostro meglio per diffondere la storia di Kira e Leo nella speranza di aumentare la consapevolezza.

Condividi questo articolo con i tuoi amici e familiari su Facebook. Non sai mai, potresti salvare una vita!