La madre strappa le labbra alla bambina per farla smettere di piangere – Morirà 1 anno dopo

Chiunque abbia cresciuto un bambino – o sia in procinto di crescerlo – può attestare quanto sia difficile tale compito. Ammettiamolo, l’ultima cosa nella mente di un bambino è quella di rendere più semplice la vita della madre o del papà come genitore.

Detto questo, la lotta fa parte del divertimento familiare. Alla fine della giornata lavoriamo e ci sforziamo, nonostante quanto possano essere frustranti per i nostri figli. Perché? Perché li amiamo con una passione riservata esclusivamente a loro.

Ecco perché la storia che segue è tanto più scioccante possibile. Coinvolge una donna russa e il suo metodo orribile per calmare la sua bambina di sei anni. Dire che oltrepassa i confini nel territorio vile è un eufemismo.

Secondo il quotidiano britannico Daily Mirror , Katya Spesivtseva viveva nella regione russa di Sverdlovsk nel 2015.

La bambina di sei anni non aveva passato bene i suoi primi anni di vita, essendo nata con paralisi cerebrale da una madre a cui importava poco quando si trattava di pazienza con le sue condizioni.

Una madre senza cuore

La mamma, Ludmila, odiava a morte sua figlia quando piangeva. Certo, avrebbe dovuto aspettarsi che una bambina piangesse, in particolare una che soffriva di così tanti problemi di salute. Invece, si arrabbiò per le urla di Katya, e così decise di fare qualcosa al riguardo.

Una notte, quando Katya iniziò a gemere, Ludmila scattò. Lei urlò alla bambina, ordinandole di fermarsi. Ma invece, quando Katya aumentò solo di volume, Ludmila attaccò sua figlia con i denti.

Secondo rapporti davvero disgustosi , Ludmila afferrò il labbro inferiore di Katya tra i denti e lo strappò con tutta la sua forza.

Katya fu lasciata in agonia per giorni prima che sua madre decidesse di chiamare un’ambulanza, con il medico che scoprì che Ludmila aveva anche provato a morderle il naso durante il calvario.

Per fortuna, presto sono intervenute le autorità e Ludmila è stata imprigionata per quattro anni. Si è scoperto che Katya era coperta di lividi da altre violenze subite e aveva contratto una serie di malattie a seguito di abbandono da parte di sua madre.

La piccola è stata adottata da Anna Makarova-Bespalova dopo aver trascorso un anno in vari ospedali per il recupero. Le fu data una seconda possibilità nella vita.

Tuttavia, tragicamente, nel 2018, Katya è morta inaspettatamente, all’età di nove anni. La sua causa ufficiale di morte fu l’insufficienza cardiaca.

Non eravamo pronti per una tale perdita“, ha detto Anna. “E anche se non è stata con noi per troppo tempo, l’intera famiglia è in lutto a causa della perdita.”

Non c’è nulla che possa cancellare l’orrore che Katya ha sofferto per mano della sua madre biologica, ma almeno le è stato dato il tempo in cui sapere di cosa parla veramente il vero amore. Un grande ringraziamento ad Anna Makarova-Bespalova per aver preso Katya e averle fatto conoscere la pace.

Prego ogni giorno che l’abuso sui minori finisca, eppure sembra essere un problema eternamente presente. 

Un bambino è un bambino, indipendentemente dai suoi problemi di salute, colore, aspetto o atteggiamento. Condividi questo articolo per mostrare il tuo sostegno a tutti i bambini maltrattati del mondo.