La madre fa nascere un a bambina con condizioni cerebrali terminali – Decide di donare i suoi organi ai neonati bisognosi

Essere una mamma è una delle cose più belle della vita. Dal momento in cui una donna scopre di avere un bambino, fino al momento della nascita, è una montagna russa piena di innumerevoli emozioni e aspettative. 

Christa Davis, 23 anni, era incinta di 18 settimane quando andò dal dottore per un controllo di routine. Ancora non lo sapeva, ma presto avrebbe dovuto affrontare una terribile situazione riguardante il suo angelo non ancora nato.

Sfortunatamente, al nascituro di Krysta è stata diagnosticata l’anencefalia, un difetto neurologico fatale in cui parti del suo cervello e del cranio non erano completamente sviluppate. 

Era un messaggio dei medici che nessun genitore avrebbe dovuto ascoltare, un incubo che era diventato del tutto reale. La piccola figlia di Krysta non sarebbe sopravvissuta.

normalmente i bambini con questo difetto di solito rimangono in vita tra cinque minuti e cinque giorni fuori dal grembo materno.

Quando Krysta diede alla luce sua figlia Rylei, la coraggiosa bambina stupì il team medico. La bambina forte è sopravvissuta per una settimana e ha lasciato una grande impressione durante il suo breve periodo di vita sulla terra. 

Sarà anche morta dopo una settimana, ma è stata in grado di diffondere più luce e amore rispetto a molte persone in un’intera vita.

Una delle tristi gravidanze

Rylei non è stata la prima gravidanza affrontata da Christa. In un’intervista con il Daily Advertiser, Krysta ha spiegato i suoi anni traumatici prima della nascita di Rylei. Due anni fa, ha perso il suo primo figlio dopo un aborto spontaneo.

Ancora una volta subendo una tragedia durante la sua gravidanza, il cuore di Christa si spezzò in un milione di pezzi. Aveva già perso un figlio, doveva perdere anche lei? Il pensiero era insopportabile.

Questo è anche il motivo per cui Christa era molto nervosa quando aspettava Rylei. Aveva paura di rivivere gli incubi della precedente gravidanza.

Di conseguenza potrai comprendere quanto sia stato doloroso per la donna sapere che Rylei aveva un difetto al cervello e non sarebbe sopravvissuta.

“Mi hanno chiamata per darmi “delle particolari notizie” riguardante l’ecografia“, dice Christa.

“Hanno detto che è tornata anormale, sospettavano un difetto del tubo neurale come la spina bifida. Dopo un pò mi resi conto che l’infermiera si comportava in modo strano mentre mi controllava. Trascorse molto tempo guardando la testa di Rylei. Ma quando mi hanno detto che non si trattava della spina bifida – era anencefalia. “

Data la situazione, i medici le hanno dato due scelte. Poteva dare alla luce Rylei nella settimana 18, oppure Christa poteva lasciare che sua figlia continuasse a crescere nel suo grembo e sviluppare organi che sarebbero diventati un’ancora di salvezza per altri bambini che lottano per la propria vita.

“Ci è stato detto che se avessi portato a termine la gravidanza, avrei potuto donare gli organi di Rylei, e possibilmente organizzare un incontro con i bambini che li avrebbero presi. In quel momento, Derek e io ci guardammo e sapevamo cosa avremmo fatto. 

Potrei non essere stato in grado di portare a casa la mia piccola, ma forse avrei potuto usare la sua vita per dare ad altre madri la possibilità di farlo. ”

Il 24 dicembre dell’anno scorso, la piccola Rylei era venuta al mondo. Aveva ricevuto un po ‘di aiuto per far andare avanti il ​​suo cuore, ma ha comunque mostrato una forza incredibile per una bambina nata in circostanze così difficili.

Alla vigilia di Capodanno, una settimana dopo essere venuta al mondo, Rylei è salita in paradiso. Secondo i dottori, è stato un miracolo che sia riuscita a rimanere in vita così a lungo. I suoi genitori hanno avuto la possibilità di tenerla, abbracciarla e prendersi cura di lei. Sentivano la pace pensando che alcuni altri bambini sarebbero stati salvati grazie alla figlia.

Christa e il suo ragazzo Derek decisero di donare due metà del cuore di Rylei ad altri due bambini. I suoi polmoni sono stati donati a un istituto di ricerca per ulteriori studi.

La sua vita potrebbe essere stata breve ma Rylei ha avuto la possibilità di diffondere così tanto amore e speranza sia ai suoi genitori che agli altri bambini. Che angelo!

Che cosa meravigliosa avete fatto grandi cose per altri bambini che hanno avuto bisogno di aiuto. Il mio cuore va a te e alla tua bambina. Un sorriso nel ricordo della piccola farà molto per la guarigione di entrambi. ????