La donna si sveglia con il collo dolorante pensando di aver dormito “male” – Ore dopo si ritrova paralizzata in lotta per la vita

Mai e poi mai dare la vita per scontata.

È un consiglio che ci viene dato spesso, ma purtroppo molti di noi sottovalutano certe cose. Quando le cose vanno bene e i giorni passano senza troppa confusione, può essere fin troppo facile dimenticare che le fortune possono cambiare in un centesimo di secondo.

Fino al giorno succede qualcosa che porta a casa quella dura realtà che ti cambia la vita per sempre.

Helen Fincham aveva solo 21 anni quando si svegliò una mattina con il dolore al collo. Naturalmente, pensò di aver semplicemente dormito in qualche posizione strana sottovalutando la situazione.

Poche ore dopo, si ritrovo totalmente paralizzata.

Quando Helen Fincham, dal Galles, aveva 21 anni, si svegliò sentendosi rigida e dolorante al collo. Inizialmente sottovalutò i sintomi, fino a poche ore dopo, quando era sdraiata sul suo letto con il torace bloccato e decise di chiamare i servizi di emergenza.

I paramedici si precipitarono a casa sua, ma quando arrivarono lì non riusciva nemmeno a camminare. Secondo i rapporti, è stata portata in ospedale, dove le è stata diagnosticata una rara condizione nota come mielite trasversa.

“Sono venuti ad aiutarmi e sono appena caduta tra le loro braccia e li guardavo confusi perchè non riuscivo a stare in piedi”, ha detto Helen.

“Il giorno dopo sono stato portato al Morriston Hospital di Swansea, e stavano facendo un test per monitorare i riflessi, dove la gamba dovrebbe pulsare dopo che il ginocchio viene toccato.

“La mia gamba non dava segni di vita. Stavo piangendo, non potevo nemmeno asciugarmi le lacrime. “

Situazione frustrante

A Helen è stata diagnosticata una mielite trasversa, una condizione che apparentemente non ha una cura nota. Ha iniziato un periodo estenuante della sua vita in cui ha trascorso sei mesi in ospedale e altri 12 in riabilitazione. Helen è riuscita a riguadagnare un po ‘di movimento tra le braccia e le gambe, ma la condizione le ha lasciato la necessità di cure costanti.

“Posso muovere le braccia solo per mangiare ma non riesco a tagliare il cibo o preparare qualcosa di avanzato. Ho bisogno di cure complete. Non posso fare molto in modo indipendente “, ha detto Helen.

“L’anno scorso, quando faceva molto caldo, non potevo nemmeno uscire da sola per mettermi al sole. Ero semplicemente bloccata dentro ad aspettare che arrivassero i miei accompagnatori.

“Mi affido alle persone per lavarmi, vestirmi, spostarmi, tirarmi fuori dalla macchina.

“Sono così grata per le cure che ricevo, ma voglio solo essere in grado di fare le cose in maniera indipendente come qualsiasi altra 24enne. Adoro uscire di casa, sono stata imprigionata abbastanza a lungo. “

L’obiettivo di Helen è ritornare ad essere indipendente, anche se riceve solo 15 minuti di fisioterapia a settimana.

“Mi sento in colpa per aver chiesto supporto, ma non è una gamba rotta che posso riparare in sei settimane.

“Ho bisogno della fisioterapia per aiutarmi a diventare più forte e, spero, una volta che ne sarò in grado, posso ritornare indipendente una volta per tutte.”

Helen ha una pagina Just Giving  che può essere trovata qui.

Possiamo solo immaginare quanto sia frustrante per Helen dover combattere questo tormento quotidianamente, sapendo che non è stata causata da lei tra le altre cose.

Stiamo inviando tutti i nostri pensieri e preghiere a questa giovane donna coraggiosa nella speranza che le sue condizioni migliorino.

Condividi questo articolo se pensi che sia importante che le persone ricordino di vivere la propria vita nella misura massima di sicurezza.