La donna da alla luce una bambina arrabbiata – I medici scoprono che si tratta di una rara quanto pericolosa condizione

Per alcuni di noi, rimanere incinta può richiedere letteralmente anni di pianificazione e tentativi. Per altri, può accadere inaspettatamente in un batter d’occhio.

Una delle meraviglie della vita è che è così imprevedibile; non sappiamo mai quando uno dei nostri familiari o amici rimarrà incinta.

Hollie Walls non si aspettava di avere un bambino. Dato che i medici le avevano detto che avrebbe avuto bisogno di farmaci per la fertilità, è rimasta scioccata nell’apprendere che era incinta. Hollie aveva subito due interventi chirurgici l’anno precedente per rimuovere una grande massa dal suo utero, lasciandola scettica sulle sue possibilità di concepire.

Credito: Hollie Walls

Notizie inaspettate

Hollie aveva già due figli da un precedente matrimonio, ma lei e il suo attuale marito volevano aggiungere alla famiglia un nuovo membro.

Come ha spiegato a Love What Matters: “Sono rimasta incinta quasi immediatamente e anche se sono ben consapevole che stavamo partecipando ad atti che potrebbero portare a un bambino, sono rimasta incredibilmente scioccata nello scoprire che ero effettivamente incinta. Ricordo di aver visto due righe sul test di gravidanza e di aver pensato: “Deve essere un test difettoso, non c’è modo che io possa rimanere incinta naturalmente”.

“All’inizio non volevo nemmeno dirlo a mio marito perché ero sicura che sarebbe stata solo un’altra delusione e ne avevamo già affrontate troppe.”

Credito: Hollie Walls

La gravidanza di Hollie è stata senza particolari complicanze fino a 39 settimane. Ogni ultrasuono e test era stato svolto alla perfezione, inoltre la sua pressione sanguigna era eccezionale.

“Quando ero incinta di 41 settimane, sono andata alla mia ultima visita OB per programmare la mia induzione come sembrava che questo bambino non sarebbe venuto da solo” , ha spiegato Hollie, come per Love What Matters . “L’OB ha preso la mia pressione sanguigna, controllato le mie urine e mi ha dato una rapida ecografia in clinica per assicurarmi che tutto andasse bene.

“Quando è arrivato il momento di eseguire l’ecografia, dall’espressione sul suo viso ho potuto capire che non era una buona notizia. “Non riesco a trovare alcun liquido amniotico”, ha detto. Il mio cuore è affondato. Non avevo alcun segno che qualcosa non andasse, quindi sono rimasto completamente scioccato. “

A Hollie fu presto diagnosticata l’oligoidramnios, una condizione di cui non aveva mai sentito parlare prima d’ora.

Ha detto: “Ho lasciato l’ufficio del lavoro e sono andata immediatamente in ospedale (era un venerdì) e hanno fatto un sacco di test e ho avuto un’altra ecografia. La seconda ecografia ha mostrato che avevo un liquido amniotico molto basso ma erano in grado di individuare alcune sacche di fluido che erano un tale sollievo per la bambina.

“La bambina stava bene secondo i monitor e aveva un buon battito cardiaco. quindi sono stato prenotato per un’ulteriore controllo per il lunedì successivo.

Qualcosa non andava

“Mi sono svegliata domenica mattina e qualcosa non andava. La bambina si muoveva ma sentivo qualcosa di diverso, come se fossero più lenti. Fino ad oggi non posso spiegarlo. Ho usato il mio intuito per capirlo. Sapevo solo che dovevo andare urgentemente in ospedale.

Quando Hollie è arrivata in ospedale, è andata direttamente al centro di controllo. Si distese su un letto mentre un’infermiera cercava di farla stare tranquilla, ma anche così poteva percepire la preoccupazione nella stanza.

“La gente entrava e usciva dalla stanza e mi poneva domande sulla gravidanza, i movimenti che stavo provando, ecc. La cosa successiva che vidi, un’infermiera premette il pulsante di emergenza e un allarme iniziò a suonare e prima che potessi anche capire cosa stava succedendo, quasi 10 persone erano nella stanza con me.

“La frequenza cardiaca della bambina stava calando e poi accelerando improvvisamente, e si è deciso che un taglio cesareo fosse l’unico modo sicuro per farla uscire e doveva essere fatto ALL’ISTANTE. 

“Alla fine, un dottore è venuto a parlarmi della possibilità che mia figlia potrebbe nascere morta a causa della sua frequenza cardiaca troppo instabile . Hanno provato a riportare la frequenza cardiaca della piccola a valori normali e mi hanno immediatamente portata in sala operatoria. Non ho avuto il tempo di parlare con mio marito – ero troppo spaventata. 

Credito: Hollie Walls

Dopo il parto cesareo, tirarono fuori la bambina di Hollie e la sentì piangere. Tutto quello che potevo pensare era: ‘È così piccola.’ Ricordo di averla vista pensare che non avevo mai visto una bambina così piccola, ma per fortuna era in salute! 

Hollie è stata in grado poterla abbracciare quasi immediatamente. La chiamò Winter Josephine.

Credito: Hollie Walls

Bambina arrabbiata

“ Una volta usciti dal ricovero e tornati nella nostra stanza d’ospedale, ho appena tenuto Winter davanti a me e l’ho fissata. Per quanto fosse perfetta, non potevo fare a meno di ridere perché sembrava così arrabbiata.

” Se avessi dovuto indovinare cosa stesse pensando in quel preciso momento, sarebbe stato,” mi sentivo a mio agio. Rimettimi dentro! Tutti quelli che l’hanno vista hanno pensato la stessa identica cosa. “Sembra così arrabbiata!” Quando mio marito e i miei figli entrarono per incontrarla, li fissò con le sopracciglia tese che mostravano che era incredibilmente disturbata da noi. “

Credito: Hollie Walls

Una condizione insolita

Fu solo due settimane dopo la nascita di Winter che Hollie si rese conto di quanto potesse essere pericoloso la condizione della bambina chiamata Oligoidramnios.

Hollie le raccontò che Winter era nata senza liquido amniotico e di conseguenza molti neonati che condividevano lo stesso problema nascono con un volto “arrabbiato”.

Credito: Hollie Walls
Credito: Hollie Walls

Winter può sembrare una bambina molto arrabbiata, ma non c’è dubbio che sia davvero speciale.

Siamo contenti che madre e figlia siano sane e felici dopo quella che deve essere stata una prova ardua.

Condividi questo articolo per festeggiare un altra bellissima bambina venuta al mondo.