DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Agosto 25, 2019

Redazione DonnaWeb

La coppia è felicissima della nascita delle due gemelle - Qualche ora dopo il dottore avvisa loro "Mi dispiace" - I genitori restano con l'amaro in bocca

Quando senti le parole "Mi dispiace", di solito sono seguite da cattive notizie.

Nei casi più gravi, "Mi dispiace" può essere considerata un'espressione che pone fine a qualcosa, perché c'è la possibilità che la frase successiva possa cambiarti la vita per sempre.

Quando la coppia Matt e Jodi Parry hanno sentito queste parole in un ospedale sei anni fa, i loro cuori erano totalmente gelati.

Pubblicità

Era la seconda volta che avevano figli, ed erano entrambi genitori felici. Avevano già un figlio sano e pianificavano di accogliere due nuovi angeli in famiglia.

Tuttavia, la loro felicità si trasformò rapidamente in ansia durante la nascita.

Un dottore ha convocato la coppia in una piccola sala d'aspetto e ha detto tre parole che hanno scioccato le loro vite ... "Mi dispiace. "

I genitori Matt e Jodie sono rimasti sbalorditi quando il medico ha spiegato che i loro gemelli prematuri, Abigail e Isobel, avevano la sindrome di Down.

La coppia aveva già un bambino di nome Finlay, ma avevano cercato per molto tempo di avere un altro bambino. Jodie ebbe un aborto poco dopo la nascita di Finlay, quindi pensò di essere pronta a tutto.

Ma le parole del dottore l'hanno lasciata con l'amaro in bocca.

Facebook / JodiParry

Non necessariamente le parole stesse, ma il modo in cui sono state dette. Secondo Jodie, il medico ha fatto apparire le diagnosi come una "atrocità".

Le gemelle sono nate prematuramente e hanno dovuto rimanere in un reparto di terapia intensiva neonatale per quattro settimane.

"Quel giorno non mi sentivo una madre. Mi sono sentito persa e confusa. Il futuro mi è sembrato oscuro. Pensavo che saremmo stati operatori sanitari per tutta la nostra vita ", ha spiegato Jodie .

Facebook / JodiParry

Statisticamente parlando, Abigail e Isobel sono dei casi estremamente rari. Le probabilità di dare alla luce due gemelli che hanno entrambi la sindrome di Down sono una su un milione.

Detto questo, le bambine nascono con una serie di problemi di salute. Abigail è sorda in un orecchio, mentre Isobel nasce con un buco nel cuore.

Facebook / JodiParry

Certo, nessuno vuole sentire quel genere di cose dal proprio medico. A parte questo, Matt e Jodi furono costretti ad affrontare la dura realtà.

Facebook / JodiParry

Sfortunatamente, c'erano poche informazioni per i genitori sulla sindrome di Down.

Nessuno ha spiegato loro che la famiglia potrebbe comunque condurre una vita felice e normale come tutti gli altri.

Facebook / JodiParry

Di conseguenza, Matt e Jodi erano estremamente spaventati.

Non sapevano se le loro figlie sarebbero state in grado di andare a scuola come bambine normali. Non sapevano nemmeno se sarebbero state in grado di parlare.

La famiglia doveva affrontarla una situazione di totale incognita; dovevano scoprire tutto da soli.

C'erano persone simpatizzanti con i bambini e dispiaciuti per loro, ma Abigail e Isobel erano circondati dall'amore della loro famiglia.

Facebook / JodiParry

"Quando il dottore ci prese da parte per dircelo, disse che gli dispiaceva che Abigail e Isobel avessero la sindrome di Down. Fino ad oggi, non saprò mai perché mi disse una cosa del genere ", ha detto Abigail, secondo BarcroftTV .

"E penso che se potessi incontrarlo di nuovo, vorrei mostrargli Abigail e Isobel e dire:" Perché ti dispiace? Non cambierei Abigail e Isobel per nulla al mondo!"

Oggi, sei anni dopo la nascita, le ragazze sono la prova dei pericoli di pregiudizi ignoranti.

Facebook / JodiParry

Ogni essere umano, indipendentemente dalle sue presunte disabilità, merita una possibilità nella vita. Abigail e Isobel sono esempi concreti.

Guarda questa famiglia. Chi potrebbe dire che non sono felici?

Facebook / JodiParry

Tutti possiamo imparare un'importante lezione da Matt e Jodie: puoi essere più felice di quanto immagini, non importa se la tua vita è quella che la società descrive come "una vita perfetta".

Le persone con sindrome di Down dovrebbero avere le stesse opportunità nella vita di chiunque altro. Condividi se sei d'accordo.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram