La bimba muore in grembo – La madre costretta ad un inutile parto di ben 20 ore

La gravidanza e il parto sono molto stressanti, sia fisicamente che mentalmente.

Il viaggio verso la creazione di una famiglia è molto lungo da quando vedi per la prima volta un segno positivo nel tuo test di gravidanza.

La tua casa e la tua vita devono essere pronte per l’arrivo di una nuova piccola persona, in modo che tutto sia garantito per essere pronto per il nascituro.

Tuttavia, la gravidanza è lunga e quindi può succedere di tutto.

Charlie Vass e James Gordon stavano aspettando il loro bambino da molto tempo, quando finalmente hanno saputo la scorsa primavera che Charlie era incinta.

Avrebbero avuto una bimba, poiché la coppia aveva già tre figli maschi.

Ho sentito parlare della gravidanza dopo la malattia

Poco prima della gravidanza, a Charlie fu diagnosticata una malattia della tiroide.

Tuttavia, le sue condizioni sono peggiorate rapidamente, quindi ha deciso di sottoporsi a un test di gravidanza che mostrava la dolce attesa.

Con il test ho scoperto che ero nella nona settimana. Ero davvero arrabbiata e non sapevo cosa fare vista la malattia. Ma non abbiamo esitato per un momento a fermarla “, dice Charlie a TheSun.

Alla figlia è stata diagnosticata una grave malattia

Le settimane trascorsero silenziosamente fino a quando qualcosa non cambiò tra la 18 ° e la 19 ° settimana di gravidanza.

La coppia ha saputo che stavano aspettando una figlia, ma aveva una grave malattia chiamata trisomia 18 o sindrome di Edwards.

La sindrome spesso implica che i bambini nascono molto piccoli e possono avere numerosi gravi problemi cardiaci. Di conseguenza, la sindrome è anche associata ad un tasso di mortalità estremamente elevata.

I dottori mi dissero che anche se mia figlia fosse sopravvissuta alla gravidanza, sarebbe sopravvissuta solo per cinque minuti. Il mio cuore era spezzato quando ho sentito quelle parole. Ero completamente distrutta, dice Charlie.

Ha dato alla luce una bambina morta dopo 20 ore

Due settimane dopo, la ventesima settimana di gravidanza, la coppia ha sentito la tragica notizia.

La loro amata e la loro figlia era morta dentro il grembo materno.

Mi è stato detto che avrei dovuto partorire comunque, in modo da poter aspettare una settimana per il parto o iniziare subito, dice la madre distrutta.

Dopo il rapporto, Charlie dovette aspettare una settimana e alla fine, dopo il parto durato oltre 20 ore, trovò la figlia morta tra le sue braccia.

– Era così piccola che poteva stare nel mio palmo. Mentre la guardavo, il mio cuore si riempì di amore.

Alla fine, poche ore dopo, Charlie, insieme a suo marito James e agli altri tre figli della famiglia, dovette salutare la figlia piccola, che non era mai tornata a casa dall’ospedale.

Una storia devastante. Nessun genitore vorrebbe provare questo tipo di tragedie. Riposa in pace, piccolo angelo.