DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Gennaio 2, 2020

Redazione DonnaWeb

La bambina viene trovata nella discarica abbandonata dal padre che ha detto che "non la voleva mantenere"

Non capirò mai come le persone possano maltrattare o abusare dei propri figli . Per me, ogni bambino è un dono e un genitore dovrebbe amarlo e proteggerlo con la propria vita, se necessario.

Eppure, esistono persone in grado di fare cose veramente oscure ai propri figli , lasciandole spesso sfregiate e ferite in modo irreparabile.

Un uomo ucraino è stato accusato di aver abbandonato la sua bambina in una discarica di rifiuti pochi mesi dopo averla presa da un orfanotrofio.

Indagine iniziata

Pubblicità

Secondo i rapporti, le autorità hanno avviato un'indagine dopo che la piccola è stata avvistata in una discarica a Odessa, in Ucraina, dopo aver trascorso il Natale vivendo in una tenda e cercando avanzi di cibo da mangiare.

Si ritiene che la bambina, conosciuta come Anastasia, abbia trascorso diversi giorni nella discarica prima di essere trovata dalla polizia il 30 dicembre. La polizia l'ha consegnata agli operatori sanitari, che la hanno portata in una casa per essere curata.

Credito: Twitter

Nata Samokhina, la lavoratrice dei bambini che ha scoperto la piccola, ha dichiarato: "È incredibile sapere che centinaia persone siano passate di lì e non le abbiano prestato attenzione, nessuno di loro ha chiamato la polizia".

Ha rivelato che il padre biologico di Anastasia la voleva lasciare in un orfanotrofio nel giugno del 2019. In seguito ha deciso che era troppo dispendiosa da mantenere e quindi l'ha lasciata sola in una discarica.

Secondo quanto riferito, l'orfanotrofio farà di tutto per assicurarsi che il padre di Anastasia non possa reclamarla di nuovo. Una volta che la bambina ha subito i necessari controlli medici, deve tornare a casa per essere di nuovo tra i suoi amici.

Storie come questa mi spezzano semplicemente il cuore. Posso solo pregare che questa bambina riceva tutto l'amore e le cure di cui ha bisogno per andare avanti.

Condividi questo articolo se anche tu vuoi inviarle delle preghiere.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram