La bambina di 3 settimane smette di respirare dopo 2 ore di viaggio in auto – la mamma lancia un avvertimento a tutti i genitori

Non esistono cose peggiori che guardare il tuo bambino che lotta per la propria vita.

Sfortunatamente, questo è esattamente ciò che è accaduto alla madre scozzese Kirsti Clark, 28 anni, e al marito Christopher Clark, 29 anni, il 4 aprile dell’anno scorso. La coppia aveva deciso di portare fuori le loro figlie per un piccolo viaggetto – Malena di tre anni e Harper di tre settimane – ma il viaggio si sarebbe poi trasformato in un incubo.

Hanno fatto un lungo viaggio a causa del traffico dell’ora di punta, ma dopo aver ripreso Harper dal seggiolino, hanno saputo che qualcosa non andava. Le labbra di Harper erano diventate blu, la sua mascella era serrata e la schiuma bianca le stava sgorgando dalla bocca e dal naso. 

Dopo il terrificante calvario, Kirsti ha un avvertimento per tutti i genitori …

Il 4 aprile doveva essere una gita ideale per la famiglia di Kirsti e Christopher. La coppia partì alle 2:30 per un pomeriggio di shopping con le loro due giovani figlie.

Verso le 6:30 partirono per tornare a casa. Il viaggio è durato 1 ora e 45 minuti, con Harper legata al suo seggiolino come al solito. Quando entrarono, la bambina di tre settimane trascorse altri 15 minuti al suo posto mentre Kirsti e Christopher mettevano a letto Malena.

Quando la coppia prese Harper dal suo seggiolino, però, notarono sintomi terrificanti e la portarono immediatamente in ospedale.

“Mio marito ha tirato fuori Harper e l’ha messa in ginocchio, ma sembrava che non riuscisse a sentirsi a suo agio, quindi lui l’ha sdraiata sul sedile e lei stava dando dei calci.

“Gli ho detto che le sue labbra sembravano blu e poi ha sottolineato quanto erano rosse le sue guance. La prese in braccio e potei dire subito dalla sua faccia che qualcosa non andava. “

Facebook / Coelho DA Princesa FM

Nonostante le paure di Kirsti che avrebbe perso la sua piccola, i medici dell’ospedale sono stati in grado di rianimare Harper. Hanno avvertito i genitori che i bambini che trascorrono più di un’ora in un seggiolino auto sono a rischio di privazione di ossigeno. Si è scoperto che Harper aveva subito un attacco a causa del crollo dei suoi livelli di ossigeno. 

Ora, Kirsti sta facendo del suo meglio per mettere in guardia gli altri genitori su quello che ritiene essere un pericolo relativamente nascosto: “Quando il dottore ci ha detto che era il seggiolino per auto non ci potevo credere. Ho pensato “ma non è possibile”. Non riuscivo a capire perché nessuno ci avesse mai detto una cosa del genere.

“Avevamo ovviamente sentito parlare di non tenere i bambini nei seggiolini auto durante la notte perché causa la curvatura della colonna vertebrale, ma non cose del genere.

“Quando la mia bambina era piccola, facevamo quattro ore in macchina per visitare la famiglia in Cornovaglia e non abbiamo mai avuto problemi.

“I dottori ci hanno detto in ospedale che di solito si tratta di bambini prematuri, ma Harper è una bambina abbastanza grande. 

“Dopo esserci concentrati su questa ragione, Christopher e io ci siamo sentiti così arrabbiati con noi stessi – ci siamo sentiti come se avessimo fatto del male a nostra figlia. È stato orrendo.

“Ma abbiamo parlato con così tante persone e non ne avevano mai sentito parlare e quindi alcune persone hanno opinioni contrastanti sul momento.

“Ecco perché sapevamo di dover condividere ciò che è accaduto ad Harper perché tutti i genitori devono saperlo. Solo due ore in più al seggiolino e avremmo potuto perderla, è terrificante.

“Vorrei dire a tutti i genitori di guardare attentamente i loro bambini e se non hanno assolutamente bisogno di essere sul seggiolino, portali fuori perché non vale la pena fargli subire le pene dell’inferno.

“Guarda il tuo bambino e conosci il tuo bambino. Se qualcosa non sembra del tutto giusto portali direttamente in ospedale. “

Fortunatamente, Harper è stata in grado di recuperare completamente ed è perfettamente sana. Per fortuna, Kirsti e Christopher hanno agito rapidamente non appena hanno capito che qualcosa non andava e i medici dell’ospedale sono riusciti a salvare la situazione.

Sapevi del pericolo per i bambini nel rimanere troppo a lungo nel seggiolino? Condividi questa storia e spargi la voce a familiari e amici. Potrebbe salvare una giovane vita!