Incredibile quello che fa quest’uomo ogni giorno per le figlie pur di non metterle in imbarazzo

Le storie di genitori che abbandonano i loro figli al loro destino sono, sfortunatamente, più di quanto possiamo immaginare. Tuttavia, ci sono altre persone, genitori protagonisti di storie emozionanti e piene d’amore che lottano ogni giorno per dare ai propri figli, non solo un tetto sotto il quale vivere, cibo o studio, ma un amore così grande come ce ne sono pochi al mondo.

Idris è un uomo per il quale nulla è impossibile quando si tratta di provvedere alle proprie figlie. Nonostante la sua estrema povertà non ha mai abbandonato il sogno di vedere la figlia diventare una professionista; è stato così che ha lavorato per anni come fognatore per raggiungerlo. Tuttavia, per evitare imbarazzi alla sua famiglia, lo faceva sempre in segreto.

GMB Akash

Il famoso fotografo del Bangladesh, GMB Akash, ha ascoltato la storia e ha deciso di cercare Idris, che ha raccontato la sua storia nei particolari.

“Non ho mai detto alle mie figlie quale fosse il mio lavoro. Non ho mai voluto che si sentissero in imbarazzo a causa mia. Quando il più giovane mi ha chiesto cosa stavo facendo, le dicevo esitante che ero un lavoratore come qualsiasi altro.

Prima di tornare a casa facevo la doccia nei bagni pubblici, così non ho lasciavo traccia degli odori, dello sporco e del lavoro che stavo facendo. Volevo che le mie figlie andassero a scuola, che fossero educate. Volevo che fossero di fronte alla gente con dignità, che nessuno le avrebbe guardato dall’alto in basso come facevano con me. Le persone mi hanno sempre umiliato.

Ho investito ogni centesimo guadagnato nell’educazione delle mie figlie. Non ho mai comprato una nuova camicia, ho usato quei soldi per comprarli libri. Il rispetto era tutto ciò che volevo vincere per me stesso. Ero un gran lavoratore.

Il giorno prima dell’ammissione di mia figlia all’università, non potevo permettermi di andare alla sua lezione. Non potevo fare a meno di lavorare quel giorno. Mi sono seduto vicino alla spazzatura e ho cercato di nascondere le mie lacrime. Non avevo la forza di lavorare. Tutti i miei compagni mi guardarono, ma nessuno venne a parlarmi. Avevo fallito, il mio cuore era spezzato e non avevo idea di come avrei detto a mia figlia che non potevo pagare le sue lezioni.

Sono nato povero. Nulla di buono può accadere a una persona povera,  mi dicevo. Dopo il lavoro, tutti gli operai si sono avvicinati a me, si sono seduti di lato e mi hanno chiesto se li consideravo fratelli.

Prima che potessi rispondere, hanno messo i loro guadagni del giorno nella mia mano. Quando ho cercato di respingerli, tutti mi hanno affrontato e hanno detto: “Oggi moriremo di fame se necessario, ma tua figlia deve andare all’università”. Non sapevo cosa rispondere. Quel giorno non ho fatto il bagno. Sono tornato a casa come addetto alle pulizie.

Mia figlia sta per finire il college. Tre di loro non mi lasciano più lavorare. Mia figlia ha un lavoro part-time e gli altri tre danno consigli. Regolarmente, la mia figlia del college mi porta al mio posto di lavoro. Da da mangiare ai miei compagni.

Ridono e gli chiedono perché lo fa. Lei rispose: “Non hai mangiato quel giorno a causa mia e così sono potuta diventare quello che sono adesso; pregate per me così potrò darvi da mangiare ogni giorno ‘.

Ora non mi sento più povero. Chi con delle come le mie figlie potrebbe essere così! “

Stupende storie d’amore e dedizione totale come questa valgono la pena condividere, aiutaci a farlo con la tua famiglia e gli amici.