Il piccolo è nato “morto” con serie incapacità motorie e non solo, la famiglia chiede donazioni per un trapianto che potrebbe farlo “tornare in vita”

Ha combattuto più battaglie di quante ne facciano molte persone in una vita e non ha ancora due anni.

Theo Hutton tornò dai morti sette minuti dopo essere nato morto quando il suo cervello era senza ossigeno.

La nascita straziante lo ha lasciato con una paralisi cerebrale e attualmente non è in grado di sedersi, camminare o parlare.

Ma nonostante il suo calvario, Theo ha sempre un grande sorriso raggiante e i suoi genitori Laura e Andy ritengono che sia il bambino più felice in circolazione.

Ora la coppia vuole migliorare le sue prospettiva di vita raccogliendo £ 100.000 per vari trattamenti all’estero.

Includono la chirurgia pionieristica delle cellule staminali – disponibile nel miglior ospedale di Panama.

Ciò ha portato a enormi miglioramenti in altri bambini che soffrono della condizione incurabile e paralizzante.

E la coppia è convinta che migliorerà enormemente la qualità della vita di Theo.

Mamma Laura, 29 anni, ha dichiarato: “Il trattamento mira a stimolare la crescita delle cellule staminali nel cervello.

La mamma e il papà di Theo, Laura e Andrew, credono che la pionieristica chirurgia delle cellule staminali disponibile a Panama possa migliorare la sua qualità di vita (Immagine: John Gladwin)
I medici hanno combattuto per sette minuti per far rivivere Theo dopo che era appena nato (Immagine: John Gladwin)

“Al momento non può coordinare il movimento tra le sue braccia ma questo potrebbe migliorare in futuro. Oppure potrebbe imparare a parlare.

“Saranno piccoli passi, ma per ognuno di noi sarebbe un grande passo.”

La procedura vedrebbe 35 milioni di cellule staminali da un cordone ombelicale di un donatore iniettate nel sistema di Theo per stimolare e riparare il tessuto nervoso danneggiato nel cervello.

Laura e Andy sperano di portarlo all’Istituto di cellule staminali di Panama City una volta all’anno per i prossimi cinque anni.

Ogni ciclo di trattamento costerebbe circa £ 16.000 ma dicono che potrebbe migliorare notevolmente la vita del giovane, aiutandolo a raggiungere traguardi che possono solo sognare al momento.

Il suo cervello era senza ossigeno e significava che non era in grado di sedersi, camminare o parlare(Immagine: John Gladwin)

Laura, una responsabile della salute e della sicurezza di Wirral, Merseyside, ha dichiarato: “Circa il 90% del tuo cervello è sviluppato da quando hai cinque anni, quindi vorremmo ricevere i primi tre trattamenti entro il momento in cui avremmo tratto il massimo beneficio.

“C’è il costo del trattamento per Theo e avremmo anche bisogno di coprire i costi di portarlo lì per prenderci cura di lui.”

Si stima che 30.000 bambini nel Regno Unito abbiano una paralisi cerebrale.

Alcuni hanno avuto un trattamento con successo delle cellule staminali e la coppia spera che accada lo stesso per Theo.

Holly Greenhow, di Cambridgeshire, ha fatto un “enorme miglioramento” dopo aver avuto la procedura all’età di 11 anni negli Stati Uniti.

Le dava una visione migliorata, un vocabolario ampliato e un maggiore controllo sui suoi muscoli.

Sua mamma Fiona ha detto: “Vedere improvvisamente dei piccoli passi è meraviglioso e ci dà solo speranza per quello che potrebbe accadere in futuro.”

La coppia sta provando a raccogliere £ 100.000 per finanziare vari trattamenti per aiutarlo a raggiungere i suoi traguardi (Immagine: John Gladwin)

Laura ha detto che sperava che il trattamento avrebbe fatto lo stesso per Theo, che ha 21 mesi.

Ha detto: “Theo è il più grande combattente che conosciamo. Ogni piccola cosa che fa è una sfida. Ha il sorriso più grande ed è il bambino più felice.

“Merita una possibilità della vita che per un attimo aveva perso. Sono disponibili numerose terapie e trattamenti pionieristici. Ma non sono accessibili sul servizio sanitario nazionale e la spesa è molto elevata. Abbiamo fatto così tante ricerche su questo, letto così tanto e sappiamo che funziona.

“Non è disponibile nel suo paese natale. Ci sono molti posti al mondo che lo fanno, ma non nel Regno Unito.

“Non hanno superato tutti gli studi clinici.

“Non solo avrà bisogno di questo trattamento, ma avrà anche bisogno di attrezzature specialistiche per il futuro.

“Se potessimo recarci in America ogni anno per questo trattamento, ciò potrebbe potenzialmente aiutare Theo a svilupparsi e forse anche a raggiungere quei traguardi che i genitori sono così entusiasti di vedere”.

Ma i suoi genitori affermano che i trattamenti che potrebbero aiutare Theo sono costosi (Immagine: John Gladwin)
I medici ritengono che possa avere una paralisi cerebrale quadriplegica, ma dovranno aspettare fino a quando non avrà due anni per la diagnosi completa (Immagine: John Gladwin)

Si ritiene che il piccolo abbia una paralisi cerebrale quadriplegica, anche se questo non può essere diagnosticato completamente fino a quando non avrà più di due anni.

Avrà bisogno di una risonanza magnetica per ricevere la diagnosi completa una volta raggiunta l’età richiesta.

Fino agli eventi devastanti durante la sua nascita, Laura ha dichiarato che la sua gravidanza con Theo – l’unico figlio avuto con il marito Andy, 34 anni – era normale.

In un video che hanno pubblicato online, hanno detto agli amici come erano felicissimi della gravidanza, condividendo l’immagine della scansione e rivelando di aver scoperto che avrebbero avuto un bimbo a 20 settimane.

Ma all’ospedale il 18 ottobre 2017, i medici hanno combattuto per sette minuti per far rivivere Theo dopo che era appena nato. Ha anche avuto numerosi attacchi epilettici.

Laura ha detto che questi fattori e la mancanza di ossigeno gli hanno causato lesioni cerebrali e paralisi cerebrale.

I genitori di Theo dovevano aspettare fino a quando non aveva cinque giorni prima di poter tenere il figlio(Immagine: John Gladwin)
A Theo è stata diagnosticata una paralisi cerebrale a 11 mesi (Immagine: John Gladwin)

Lei e Andy raccontarono come il loro bambino fosse blu e fu immediatamente portato via da loro, descrivendolo come “il peggior incubo dei genitori”.

Dopo averlo visto rianimare, il piccolo è stato messo su un supporto vitale attaccato a numerosi fili e tubi, mentre a sua mamma e suo papà è stato detto che potrebbe non farcela.

Laura descrive come pianse quando fu finalmente in grado di tenere suo figlio per la prima volta quando aveva cinque giorni.

Dopo averlo finalmente portato a casa, si resero presto conto che non si stava sviluppando allo stesso ritmo degli altri bambini.

Gli fu diagnosticata una paralisi cerebrale – che colpisce uno su 400 bambini del Regno Unito – a 11 mesi.

Vogliono acquistare un sistema intensivo di camera di ossigeno iperbarico per Theo ma costa £ 17.000 (Immagine: John Gladwin)

La coppia dice che il viso sorridente di Theo e la “risata contagiosa” li fanno andare avanti mentre si sforzano di raccogliere i soldi per portargli il trattamento all’estero.

Laura ha dichiarato: “Vogliamo solo aiutarlo a raggiungere il suo pieno potenziale e avere una qualità di vita straordinaria.”

Come parte della raccolta di fondi, la famiglia vuole anche acquistare un sistema di camera di ossigeno iperbarico intensivo per Theo.

Questi costano £ 17.000. Laura ha dichiarato: “I vantaggi di questo sono che può ridurre il gonfiore nel cervello ma anche aumentare la crescita delle cellule staminali nel cervello per reindirizzare i segnali.

“Gli fornisce il 96% di ossigeno e può essere utilizzato ogni giorno.

“Puoi noleggiarli ma è davvero costoso. Ecco perché vorremmo comprarne uno per lui. ”

Sperano di utilizzare alcuni dei fondi per acquistare sedie speciali e seggiolini automatici per il loro figlio (Immagine: John Gladwin)

La famiglia avrà anche bisogno di fondi per eventuali cambiamenti che dovranno apportare alla loro casa man mano che Theo diventa più grande.

Ciò include attrezzature specialistiche e fisioterapia al di fuori dell’ospedale, sedie speciali, sedili per auto e sedie a rotelle.

Laura ha dichiarato: “Se riuscissimo a raccogliere fondi abbastanza rapidamente, ciò cambierebbe la vita di nostro figlio.

“Theo ha già vissuto così tanto nella sua vita con appena un mormorio di lamentele, e sarebbe devastante vedere una simile opportunità che passa causando la rovina della sua vita.”

  • Per aiutare Theo e la sua famiglia, clicca qui .