Il padre ha schiacciato lo stomaco della figlia di 13 mesi, perchè rifiutava di bere il latte – Adesso la piccola ha seri problemi di salute

Un papà che ha calpestato lo stomaco della sua bambina e lo ha fatto perché rifiutava il latte sputandoselo addosso, secondo i rapporti.

Il papà ha violentato la piccola, di allora 13 mesi, aveva bisogno di aiuto per mangiare.

Ha dovuto subire un intervento chirurgico per rimuovere il 57 percento del pancreas lacerato, secondo quanto riferito.

Il padre di Chinchilla, nel Queensland, è stato incarcerato per sei anni su decisione del tribunale distrettuale di Brisbane , in Australia.

Secondo quanto riferito, ha detto che non aveva voluto schiacciarla troppo forte perché non voleva fargli troppo male.

L’incidente è avvenuto il 12 maggio 2018 e la piccola è stata portata d’urgenza in ospedale, i medici avevano trovato infortuni paragonati a quelli subiti in un “incidente automobilistico ad alta velocità”, hanno riferito i rapporti.

Secondo quanto riferito, la piccola rigettava il latte su se stessa (foto d’archivio) (Immagine: Getty Images / iStockphoto)

Seri problemi per il futuro

Secondo il Daily Mail , il procuratore Sandra Cupina ha dichiarato: “Senza chirurgia, sarebbe sicuramente morta.

“Per il resto della sua vita avrà bisogno di una terapia sostitutiva degli enzimi pancreatici per aiutarla a digerire gli alimenti … e dovrà consultare regolarmente uno specialista per monitorare il funzionamento di alcuni organi vitali.”

Questa terapia prevede l’assunzione di compresse per aiutare l’ormai bambina di due anni a digerire e assorbire il cibo.

I rapporti hanno raccontato quante numerose false dichiarazioni sono state inizialmente rilasciate prima che il papà dicesse che aveva calpestato due volte lo stomaco di sua figlia.

Ha detto alla polizia che ha agito per rabbia perché sua figlia si era versata del latte addosso, afferma la corte.

L’uomo, che non può essere nominato per motivi legali, è stato condannato a sei anni di carcere dopo un motivo di colpevolezza per gravi danni fisici.

Secondo quanto riferito, avrà diritto alla libertà condizionale dopo 22 mesi.

Condividi l’articolo per diffondere la notizia e sensibilizzare i genitori su queste tragiche situazioni, non dovrebbero mai accadere cose del genere.