Il dottore manda a casa la bambina con la febbre, morirà 3 giorni dopo per la diagnosi errata

La madre di una bambina piccola è sconvolta dal dolore dopo aver perso sua figlia. È davvero insoddisfatta delle attività del personale infermieristico. Non vuole che nessun altro debba seppellire il proprio figlio a causa di una diagnosi errata.

Una madre canadese ha portato sua figlia dal dottore lo scorso Natale. Sophia di 2 anni aveva i sintomi della comune influenza. La situazione di Sophia sembrava migliorare finché non iniziò a soffrire di nausea. I genitori erano preoccupati per il costante vomito della figlia.

La madre ha portato sua figlia in un ospedale per bambini a Toronto. Il personale infermieristico ha inviato la famiglia a casa, poiché il medico non sarebbe stato disponibile per oltre sette ore. Non potevano fare altro che aspettare, informa CTV News .

Diagnosi errata

I genitori erano davvero preoccupati per la situazione della figlia. Il papà ha portato Sophia al pronto soccorso la mattina successiva. Il medico di turno era del parere che la situazione dovesse essere monitorata. Sophia è stata portata d’urgenza al Southlake Regional Health Care Hospital per ulteriori controlli.

Foto: Sophia Farah / GoFundMe

La madre ha detto ai medici di fare esami del sangue e altri esami se necessario. Sophia aveva la febbre da dieci giorni. I medici purtroppo hanno preso con estrema leggerezza la situazione della bambina, sospettando che si trattasse di un’infezione.

I genitori non si fidavano della diagnosi ricevuta. La famiglia ha trascorso molte ore in ospedale. Gli esami del sangue hanno suggerito che Sophia avesse una grave malattia allo stomaco.

Foto: Sophia Farah / GoFundMe

Dimessa dall’ospedale

La famiglia è stata dimessa dall’ospedale. Tre giorni dopo, i genitori si sono svegliati con Sophia che vomitava violentemente nel cuore della notte. I genitori hanno chiamato il centro di emergenza.

I paramedici hanno cercato di rianimare la piccola ormai senza vita, ma non è stato più possibile fare nulla. Il cuore di Sophia aveva smesso di battere. La bambina di 2 anni è stata dichiarata morta in ospedale.

La vera diagnosi

La causa della morte è risultata essere la sepsi, che aveva avuto origine da una grave bronchite e colecistite. La madre, affranta dal dolore, è delusa dall’attività del personale infermieristico. La madre vuole aumentare la consapevolezza sui sintomi della sepsi. Non vuole che nessun altro perda una persona cara a causa di una diagnosi errata.

Riposa in pace, piccolo angelo!

Auguriamo a tutta la famiglia tanta forza in mezzo al dolore!