DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Giugno 17, 2020

Redazione DonnaWeb

Il cane dormiva tutti i giorni accanto al padrone malato di cancro, un giorno accadde qualcosa che commosse tutti

Questa storia è davvero commovente, parla di un'ex soldato di nome Daniel Hove e del suo fedele cane Gunner.

Daniel era un soldato per la US Air Force, dopo di che aveva lavorato nel corpo dei vigili del fuoco e aveva affrontato pericoli tutta la vita.

Da uno purtroppo non riuscì nè a difendersi nè a salvarsi, un cancro devastante al pancreas, la malattia si diffuse molto rapidamente nel giro di poco tempo.

Pubblicità

La sua famiglia era sempre al fianco di Daniel. Il suo cane Gunner fu colui che soprattutto rimase ogni istante accanto al suo migliore amico.

Il cane, un Labrador Retriever di 11 anni, non si è mai staccato dal fianco di Daniel da quando si è ammalato ed è rimasto con lui più tempo possibile, al punto che la famiglia pensò di mettere un lettino vicino a quello di Daniel in modo che Gunner potesse stare sempre con lui.

Quando Daniel, che soffriva di cancro, entrò improvvisamente nelle ultime fasi della sua malattia, il Labrador si ammalò di colpo, nessuno se lo aspettava.

Un giorno notarono che Gunner si muoveva sempre di meno e tutti capirono che il cucciolo sarebbe sopravvissuto ancora per poco tempo.

La figlia di Daniel, Heather, raccontò ai giornalisti delle tv locali che la famiglia aveva pensato di prendere la decisione di abbattere con un'eutanasia, Gunner, perchè lei e il veterinario sapevano che non sarebbe sopravvissuto alla morte del suo migliore amico.

Viveva in simbiosi con il suo padrone e provava quasi le stesse emozioni, se Daniel si lamentava ed era irrequieto, lo stesso era per Gunner, non passò molto tempo prima di scoprire che non ce ne sarebbe stato bisogno perchè il cane morì appena un'ora prima del suo padrone.

Quindi i migliori amici erano andati via per sempre insieme a solo circa un'ora di distanza. È confortante per Heather sapere che suo padre non ha dovuto affrontare la morte del suo migliore amico, anzi sicuramente l'avrà ritrovato felice davanti le porte del paradiso ad aspettarlo.

"Mi ero sempre chiesta cosa sarebbe stato più doloroso per Gunner, se il dolore per la morte di mio padre l'avrebbe ucciso. Sapevamo che alla fine sarebbero andati via insieme, ma non ci saremmo mai aspettati che ci fosse stata solo un'ora a dividerli.

Gunner non poteva vivere senza papà ".

Che storia straziante. È molto confortante sapere che i due migliori amici adesso stanno insieme anche dopo la morte.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram