Il bambino nasce pesando solo 350 grammi – Ha combattuto per la vita ma poi è avvenuto il miracolo

Se un bambino appena nato vede la luce del giorno, di solito pesa qualche chilo e può tornare a casa poco tempo dopo.

Tuttavia, può succedere che i bambini nascano prematuramente e siano molto più fragili. Ciò è associato a molti pericoli e quindi le vittime devono spesso rimanere in ospedale per un certo periodo di tempo.

In Austria, tre mesi fa, è avvenuta una simile nascita in cui il bambino prematuro pesava solo 350 grammi e tutti dovevano lottare per farlo sviluppare normalmente.

Come è ormai stabilito, tutte le misure di sicurezza attuate hanno avuto successo e il piccolo combattente può finalmente lasciare l’ospedale con i suoi genitori.

Qualsiasi notizia negativa ricevuta come genitore in una gravidanza dai medici è un vero stress per tutti i soggetti coinvolti.

Tanto più scioccati erano stati i genitori quando hanno appreso tre mesi fa che loro figlio non cresceva più e quindi doveva nascere immediatamente.

Come riporta Tiroler Tageszeitung , uno dei bambini prematuri più leggeri al mondo e il più piccolo mai nato in Austria ha visto la luce del giorno.

Il bambino è nato con soli 350 grammi e trasferito al reparto di terapia intensiva neonatale dell’ospedale pediatrico di Innsbruck.

Lì hanno gestito l’incredibile, in modo che il bambino pesa ora 2,3 chilogrammi e questo mercoledì starà con i suoi genitori a casa.

Dall’inizio un combattente

Già dopo la nascita tutti gli specialisti hanno capito che il bambino non aveva intenzione di lasciare questo mondo. Anche se inizialmente doveva essere nutrito artificialmente per 17 giorni, il secondo giorno era pronto a ricevere il latte materno.

Heidi Köll, infermiera dell’unità di terapia intensiva neonatale, ha detto della madre che è rimasta con suo figlio tutto il tempo:

“Certo, cerchiamo di coinvolgere il più possibile i genitori nella cura del loro bambino. Con una tale nascita prematura la cura del bambino è molto stimolante “.

Grandi prestazioni

Ora più felici sono tutti i dipendenti dopo che il piccolo può lasciare l’ ospedale e tornare a casa.

Per fortuna, il piccolo era un combattente e tutto lo staff ha fatto tutto in modo che un giorno potessero tornare a casa sani e salvi.

Si può ringraziare il personale ospedaliero e tutto il personale degli ospedali di tutto il mondo solo per il loro servizio di salvataggio che effettuano ogni giorno 24 ore su 24.

Condividi questo articolo, se anche tu vuoi esprimere un grande ringraziamento.