DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Agosto 27, 2019

Redazione DonnaWeb

Il bambino di 7 mesi picchiato dallo zio si rifiuta di morire dopo lo spegnimento del supporto vitale - Un vero e proprio miracolo!

Non lasciare che nessuno dica mai che Bobby Webber non è un combattente.

Nel 2014, quando il piccolo Bobby aveva solo 7 mesi, fu violentemente aggredito da Andrew Nolan, il fidanzato di sua zia. Per quattro ore è stato picchiato e torturato , alla fine è stato lasciato in una condizione critica in lotta per la vita.

I suoi genitori, Barry ed Elise, erano in luna di miele quando avvenne l'orribile incidente. Avevano lasciato i loro figli nelle cure temporanee della sorella di Elise, che era fidanzata per sposarsi con Nolan.

Pubblicità

Le ferite di Bobby furono così gravi che fu messo in stato di sostentamento. I suoi genitori sono stati informati dai medici che la cosa migliore da fare sarebbe spegnere il supporto vitale. Lo fecero, non sapendo che il loro bambino avrebbe sfidato tutte le probabilità che gli erano state poste.

Quando Barry ed Elise Webber andarono in luna di miele, non avrebbero potuto prevedere cosa sarebbe successo al loro figlio di 7 mesi Bobby. Lo avevano affidato alla sorella di Elise, fidanzata con un uomo di nome Andrew Nolan.

Un pomeriggio, la zia di Bobby portò i suoi fratelli maggiori a guardare un film, lasciandolo alle cure di Nolan.

Nolan, che era stato amico della famiglia per più di un decennio, ha continuato a violentare e torturare Bobby, causando fratture multiple del cranio, una frattura alla sua vertebra, segni di morso su tutto il corpo e lividi genitali.

Bobby è stato portato di corsa in ospedale, dove è stato messo con il supporto vitale. I medici non credevano nella sopravvivenza del piccolo e consigliarono ai suoi genitori - come per il Daily Mail - di spegnere il macchinario.

Eppure, quando lo fecero, con stupore di tutti, Bobby riuscì a continuare a respirare. Fino ad oggi, continua a compiere notevoli progressi. Soprannominato "Bobby the Brave" (il coraggioso) , il piccolo ha superato quattro anni di ostacoli e non ha ancora finito le sue intemperie.

Come risultato delle sue ferite, Bobby ha sviluppato paralisi cerebrale quadriplegica e disturbi alla vista, ma sua madre dice che non si arrenderà mai.

"Assolutamente tutto ciò che Bobby fa mi fa impazzire, lo amo", ha detto, come per Daily Mail Australia.

Battere le probabilità

“La parte più difficile è il costante cambio di posizione. Non può sedersi o gattonare per arrivare dove vuole, si affida a noi per aiutarlo ", ha detto.

“Non si ferma mai. Non appena Bobby si sveglia, ci sono molti aiuti coinvolti. Gli diamo il suo primo ciclo di cure e cerchiamo di cambiarlo. Lo portiamo in bagno perché al momento si sta allenando per arrivarci solo. Ma è quasi completamente addestrato per questo, il che è fantastico.

“È sinceramente uno dei suoi più grandi successi ed è cambiato molto per noi come famiglia. Ci hanno detto di tutto, non avrebbe mai fatto nessuna di queste cose, ma ora è qui e lo sta facendo. È in remissione anche dall'epilessia. "

Bobby ha abbattuto ogni ostacolo posto davanti a lui. Non solo è in remissione dall'epilessia (ha avuto la sua ultima crisi tre anni fa), ma partecipa anche alle cheerleader di Liberty Allstars ogni domenica - una squadra composta da bambini con abilità speciali.

"Gli abbiamo dato l'opportunità di praticare uno sport e non ha la sensazione di essere diverso", ha detto Elise.

Non possiamo offrire abbastanza elogi a Bobby. Questo ragazzino è stato picchiato e torturato da un'anima malvagia che merita una pena molto cara, eppure Bobby continua a ispirare gli altri con tutto ciò che fa.

Aiutateci a far luce sui notevoli risultati di Bobby e fate sapere al mondo la forza e coraggio che possiede.

Condividi questo articolo su Facebook per augurare a Bobby il bene in futuro!

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram