I genitori straziati dal dolore si tolgono la vita dopo che il loro unico figlio è morto di cancro

Ci sono alcune cose in questo mondo che non voglio nemmeno immaginare. Perdere mio figlio è uno di questi.

Chiedi a qualsiasi genitore e ti diranno che questa è la loro paura più profonda. Dopotutto, i nostri figli ci cambiano quando vengono al mondo, in modi che sono difficili da spiegare a qualcuno che non ha condiviso la stessa esperienza.

Diventano, semplicemente, la luce della tua vita, e quindi la possibilità che quella luce si spenga proietta un’ombra troppo scura e terribile da considerare.

Non esiste niente di più straziante della tragica storia di una coppia in Romania, che si è tolta la vita dopo aver perso il figlio per cancro .

Un dolore troppo grande…

La coppia, è stata trovata vicino al corpo del loro bambino di nove anni, Cristian Dimitris Arava, nel loro appartamento nella città di Costanza, in Romania.

È stato riferito che il loro figlio aveva perso la sua battaglia contro il cancro poco prima che la coppia, entrambi 46 anni, decidesse di togliersi la vita. Sono stati trovati da un vicino.

Il procuratore Sadic Zafer afferma che sia l’uomo che sua moglie sono morti per suicidio allo stesso modo. Il corpo della donna è stato trovato disteso accanto al corpo di Cristian. L’uomo, nel frattempo, è stato scoperto in cucina.

Si dice anche che poco prima della loro morte, la coppia scrisse una lettera d’addio di 13 pagine, descrivendo in dettaglio come avevano combattuto con stress, dolore e angoscia sin da quando al loro piccolo era stato diagnosticato un tumore al cervello.

Messaggi strazianti

La mamma di Cristian ha scritto un post sul blog sette anni fa, spiegando il suo tormento.

” Mi sentivo come se stessi morendo quando ho saputo della diagnosi. Non posso esprimere il dolore che provano due genitori quando trovano notizie così terribili sul loro bambino. Aveva solo due anni. 

Purtroppo, le condizioni di Cristian si sono deteriorate nel tempo. Il tumore ha continuato a crescere nonostante i migliori sforzi dei chirurghi. Alla fine si è ritenuto che un intervento chirurgico sarebbe stato impossibile.

Il post sul blog di sua madre si è chiuso con: “La nostra unica speranza che Cristian sia un bambino fortunato e che il tumore smetta di crescere è ora in frantumi. Il pensiero che ogni momento possa essere fatale, mi fa impazzire. 

Una storia così tragica, che ricorda il modo in cui tutti dobbiamo essere forti nella lotta contro il cancro.

Solo attraverso sforzi determinati e continue ricerche possiamo sperare di sconfiggere questa malattia che ci ha privato di così tante vite e ha distrutto intere famiglie per sempre.

Riposa in pace, Cristian e i suoi genitori. Condividi questo articolo su Facebook per mostrare il tuo supporto!