DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Giugno 26, 2020

Redazione DonnaWeb

I gemelli dimenticati nell'auto bollente per 8 ore, il padre in lacrime: "Ho ucciso i nostri figli"

Siamo ormai in piena estate, e molte aree inizieranno a ritrovarsi con gravi ondate di calore. È più importante che mai ricordare quanto possa essere pericoloso e mortale il calore in auto.

Ogni anno decine di bambini muoiono a causa di abbandono in auto sotto il sole, subendo un colpo di calore fatale dopo essere stati lasciati incustoditi in un veicolo senza aria condizionata, una morte orribile ma sopratutto prevenibile.

Purtroppo l'estate scorsa non ha fatto eccezione e questo incidente straziante lascia la gente senza parole

Pubblicità

Juan Rodriguez, 39 anni, è stato un veterano di guerra in Iraq e attualmente assistente sociale per i senzatetto in un ospedale del Bronx. A detta di tutti, è sempre stato un padre impegnato e pieno di amore per i suoi cinque figli.

Ma l'anno scorso tutto cambiò.

Rodriguez ha lasciato la sua casa alle 8 del mattino insieme ai suoi tre figli più piccoli. Il più grande dei tre è stato portato a scuola mentre avrebbe dovuto lasciare i gemellini Luna e Phoenix in una scuola materna diversa prima di andare a lavorare, secondo il New York Post .

Invece di recarsi all'altra scuola, l'uomo è andato direttamente al lavoro. Dopo otto ore in ufficio, tornò al suo veicolo, iniziò ad aprire lo sportello improvvisamente fece una terrificante scoperta:

Aveva lasciato i bambini in macchina per ben 8 ore.

Entrambi i bambini di 1 anno erano morti per dentro l'auto bollente. Sono stati trovati con temperature interne di 108 gradi e schiumavano dalla bocca .

I miei bambini sono morti!”, Ha riferito Rodriguez. “Ho ucciso i miei bambini!

Youtube - CBS New York

Rodriguez era scioccato e disse alla polizia che era stato solo un terribile errore.

Ho sbagliato!”, Ha detto agli agenti, secondo il Post. “Pensavo di averli lasciati all’asilo prima di andare al lavoro.

Secondo la CBS di New York , i finestrini dell’auto erano oscurati, rendendo quasi impossibile per qualsiasi passante vedere i bambini all’interno.

Rodriguez è stato accusato di due omicidi attuati su due minori.

Youtube - CBS New York

La storia terrificante si è divulgata in tutta la comunità locale. I vicini di Rodriguez in particolare erano scioccati, poiché sapevano che era un padre responsabile e attento ai suoi figli.

“Non avrebbe mai fatto del male ai suoi figli”, ha detto un vicino di Rodriguez. “È un padre molto buono … Ma allo stesso tempo ha causato il peggior incubo di un genitore. ” Afferma uno dei suoi vicini.

Altri erano semplicemente scioccati dal fatto che qualcuno potesse essere così smemorato nel dimenticare una cosa simile.

Non ho idea di cosa pensava in quel momento. Ieri c’erano più di 40 gradi “, ha dichiarato Toby Kasser, residente a New York. “Non si lasciano i bambini in macchina.

Youtube - CBS New York

Un altro vicino ha espresso al New York Post, “Come vivi la tua vita dopo qualcosa del genere?”

Youtube - CBS New York
Visualizza questo post su Instagram

Lui è Juan. Ha 39 anni. Vive a un’ora da Manhattan, New York. Lui è un veterano disabile della guerra in Iraq. È sposato. Lei è Marissa. Hanno tre figli. Juan è un padre amorevole. Sempre attento. Lavora in un ospedale di veterani come assistente sociale. È il 2018. Nascono due gemelli. Loro sono Mariza e Phoenix. Juan stravede per i suoi bimbi. Un anno dopo la famiglia organizza una grande festa in giardino. I bambini compiono un anno. È il 26 luglio del 2019. Juan esce di casa per andare a lavoro. In macchina con lui ci sono i due gemelli e il figlio di 4 anni. Juan accompagna il grande all’asilo. Rimette in moto. Arriva all’ospedale. Parcheggia e chiude l’auto. Alle 4 del pomeriggio finisce il turno. Sale in macchina. Si avvia verso casa. Passano 10 minuti. Si accorge che sul seggiolino di dietro ci sono i suoi figli. Mariza e Phoenix sono rimasti sotto il sole per otto ore. Hanno gli occhi chiusi e la schiuma alla bocca. Juan inchioda. Apre la portiera. Cerca di svegliarli. I bimbi sono immobili. Non respirano. Lui comincia a urlare. Un passante chiama i soccorsi. Juan è disperato. Urla. Dice che ha ucciso i suoi bambini. I medici dell’ambulanza non possono fare nulla. Mariza e Phoenix Rodriguez sono morti. Juan viene arrestato. È accusato di duplice omicidio colposo. La famiglia paga la cauzione. Viene rilasciato. La moglie è al suo fianco. Lo sostiene. In tribunale Juan piange. È inconsolabile. Ripete che era convinto di aver lasciato i figli all’asilo. Ha avuto un vuoto. È stato un incidente. Il primo agosto tornerà in aula. Il giudice deciderà cosa fare di lui. Rischia fino a 4 anni di carcere per l’accusa di omicidio e negligenza criminale, e 15 anni per omicidio colposo. Juan Rodriguez è un uomo distrutto. . #carmeloabbate #storienere #juanrodriguez #childrens #bambini #seggioliniauto

Un post condiviso da Carmelo Abbate (@carmelo_abbate_) in data:

È una storia devastante, che funge da promemoria agghiacciante di quanto i genitori debbano essere vigili sui loro figli, specialmente durante i periodi estivi.

Condividi questa storia se sei d’accordo!

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram