Hitler ha da sempre nascosto queste 30 foto – Scattate da un fotografo ebreo

Quando i nazisti invasero la Polonia nel 1939, indirizzarono la loro cattiveria verso il popolo ebraico, che furono imprigionati in ghetti e morirono in decine di milioni.

I nazisti speravano che la disumanizzazione sistematica di Adolf Hitler e l’omicidio di routine degli ebrei sarebbero rimasti nascosti al resto del mondo

Hanno cercato di nascondere le tracce delle loro attività orribili in modo che nessuno potesse sapere cosa fosse realmente accaduto nei campi di concentramento.

Ma il fotografo Henryk Ross ha rifiutato di far passare inosservato il terribile Olocausto.

Ha documentato segretamente il genocidio, anche se ha rischiato la vita svelando le sue foto.

Henryk Ross seppellì circa 6.000 negativi in ​​un campo e quando la guerra finì, tornò a scavare la dolorosa verità che aveva catturato con la sua macchina fotografica; foto in cui i nazisti avevano imprigionato migliaia di ebrei, che vivevano e morivano in condizioni terribili.

La maggior parte della gente era inorridita dalle immagini, ma molte persone erano anche grate che Henryk riuscì a scattarle, perché mostrano una parte della nostra storia che non potremo mai dimenticare.

Ecco le fotografie:

“Cadere in strada dalla fame”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Le foto di Ross, che sono state esposte alla Galleria d’arte dell’Ontario in Canada, mostrano la terribile realtà del ghetto di Lodz, dove Ross e la sua famiglia sono stati detenuti per quattro anni insieme a oltre 160.000 ebrei polacchi.

Tra le fotografie, molti mostrano la cattiva verità del genocidio del popolo ebraico. I corpi sono impilati e i bambini ansiosi cercano cibo nella sporcizia, mentre altri catturano l’incredibile capacità di ripresa di coloro che sono intrappolati nella morsa del terrore nazista.

“Teschi e ossa a terra”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Henryk Ross nato a Varsavia, ha lavorato come fotografo sportivo prima della guerra e, dopo la creazione del ghetto di Lodz, gli è stato assegnato il compito di scattare foto di identificazione e foto di propaganda nelle fabbriche del ghetto.

Con estremo coraggio e determinazione Ross, ha segretamente scattato molte foto della vita del ghetto.

“Tre residenti del ghetto”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Prima di morire nel 1991, Ross ha rivelato come e perché ha messo al sicuro le sue foto.

Ho seppellito i miei negativi sul terreno in modo che rimanesse qualche traccia della nostra tragedia … stavo anticipando la distruzione totale degli ebrei polacchi. Volevo lasciare un registro storico del nostro martirio. “

“Anziana in scialle che mangia dal secchio”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Quando Ross non lavorava per conto del regime nazista, scattava foto attraverso buchi nei muri, attraverso le pieghe della giacca e per le strade secondarie quando nessuno guardava.

“Due uomini anziani con documento ufficiale di lettura del ghetto in carica”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Ross ha rischiato sia la sua vita che quella della sua famiglia scattando le fotografie.

“Nella scuola materna dell’ospedale”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Ross ha spiegato: “Avendo una macchina fotografica, sono stato in grado di catturare tutto il tragico periodo nel Ghetto di Lodz. L’ho fatto sapendo che se fossi stato catturato tutta la mia famiglia sarebbe stata torturata e uccisa. “

“Deportazione di bambini del ghetto”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Le condizioni nel ghetto erano terribili; le grandi aree non avevano né acqua corrente né sistemi fognari.

Più del 20 percento dei residenti è deceduto a causa di cattive condizioni di vita.

Violinista affamato per strada, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Ghetti come Lodz hanno reso più facile per il regime nazista controllare gli ebrei, prendere le loro proprietà e costringerli a lavorare.

Gli ebrei tedeschi furono mandati nei ghetti nella Polonia occupata, in Lettonia e in Lituania, e i rom arrestati in Austria furono inviati nei ghetti ad est.

I residenti che lasciano l’edificio, per attraversare la plancia sulla strada, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Il ghetto di Lodz era diviso in tre parti ed era circondato da recinzioni e muri di filo spinato.

“Poliziotto ebreo festeggia con gli amici”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Dopo la liberazione di Lodz, Ross raccolse la sua scatola di negativi e recuperò il suo archivio.

Ora, le immagini sgranate, in bianco e nero servono come promemoria di ciò che può effettivamente accadere quando non proteggiamo i diritti di tutte le persone.

“Un cadavere viene portato via”, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Ross ha detto sull’immagine sopra: “C’era una società di sola sepoltura. Per cominciare, stavano seppellendo due o tre vittime della fame. Ma in seguito, quando il numero ha raggiunto oltre le 120 vittime, è diventato necessario costruire carrelli speciali per il trasporto di corpi. Ho visto intere famiglie, scheletri di persone, che morivano con i loro figli.

Cinque bambini seduti sul pavimento e mangiare, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Ma oltre a tutte le cose tragiche che si possono vedere nelle immagini, portano anche un messaggio di forza e speranza umana. Perché tra tutte le immagini ci sono migliaia di fotografie di famiglie che celebrano nascite, matrimoni e altri piccoli momenti di felicità che occasionalmente accadevano nel ghetto.

Donna con un neonato, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Secondo la galleria, “La collezione del ghetto di Lodz è una raccolta unica di circa 3.000 negativi di nitrato di cellulosa da 35 mm, stampe vintage, grafica, poster ed effimeri personali. Sono la testimonianza del potenziale per l’arte di essere sia un atto di resistenza che di ricordo. “

Ritratto degli sposi, guardandosi l’un l’altro, al loro matrimonio nel ghetto, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Quando il ghetto di Lodz fu chiuso, Ross seppellì la sua collezione di negativi in ​​una scatola rivestita di ferro.

Residenti del ghetto detenuti per espulsione, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Quando scavò la collezione nel marzo del 1945, Ross scoprì che molti dei negativi erano stati gravemente danneggiati dall’acqua.

Più avanti vedrai delle foto danneggiate a causa di questo evento.

Vista da dietro dei residenti con sacchi diretti alla deportazione, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Nel gennaio del 1945, l’Armata Rossa si avvicinò a Lodz per liberare i prigionieri. Ma non molti erano ancora vivi nel ghetto.

Nell’agosto dell’anno precedente, la maggior parte dei rimanenti residenti del ghetto furono inviati ad Auschwitz.

I residenti scavano tra le rovine della sinagoga in Wolborska Street, distrutta dai tedeschi nel 1939, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Quelli che erano ancora lì si erano nascosti.

Quando l’Armata Rossa liberò Lodz il 19 gennaio 1945, c’erano solo 877 persone nel campo.

Ritratto di Stefania Schoenberg, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Henryk Ross e sua moglie Stefania erano tra questi.

Si erano sposati nel ghetto, come molte altre giovani coppie.

Ritratto di una coppia nel ghetto; donna che indossa un velo, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Queste persone coraggiose si sono rifiutate di essere schiacciate dal regime razzista.

Al contrario, si sono sostenuti a vicenda e hanno condiviso momenti di felicità insieme, qualcosa che Ross è riuscito a catturare nelle sue fotografie.

Ritratto di quattro uomini, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

L’intera collezione di Henryk Ross è stata donata alla Art Gallery of Ontario dall’Archivio del conflitto moderno nel 2007.

Ritratto di due bambine, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Sebbene le foto di Ross mostrino la crudeltà più estrema e la sofferenza umana, c’è sempre una dignità in coloro che sono fotografati.

Ritratto di due bambine, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Come in questa foto di due bambine, che probabilmente sono le migliori amiche.

Giovane ragazzino tira il carro con effetti personali attraverso il ghetto in inverno, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Immediatamente dopo che i tedeschi presero Lodz, la maggior parte delle risorse finanziarie dei residenti ebrei furono confiscate.

Gli ebrei non potevano possedere auto o radio e non potevano viaggiare con i mezzi pubblici.

Due uomini seduti in strada, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario
Madre e padre con un bambino, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Solo circa 10.000 persone che entrarono a Lodz sopravvissero alla guerra.

Prima della guerra, Lodz era noto per la sua industria tessile e i suoi residenti cercarono di sfruttare la loro etica del lavoro a loro vantaggio nella loro lotta per la sopravvivenza.

Ritratto di una famiglia di tre persone, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Questa etica del lavoro ha anche caratterizzato Ross, che è stato costretto a scattare fotografie di propaganda.

Sebbene una quantità significativa delle foto segrete di Ross sia stata danneggiata, sono sopravvissuti quasi 3.000 negativi.

Uomo e bambino che fanno scambio attraverso il recinto di filo spinato, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Oggi rappresentano la raccolta di documenti sull’Olocausto e sui ghetti più conosciuta, tutti raccolti da un singolo fotografo ebreo.

È un record ossessionante di uno dei peggiori crimini della storia umana.

Famiglia del poliziotto del ghetto; madre e figlio, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Adolf Hitler e i nazisti non volevano che vedessimo cosa stavano facendo.

Non volevano mostrare l’eradicazione crudele e sistematica di milioni di persone.

Ma Henryk Ross ha lavorato duramente per assicurarsi che la verità venisse fuori.

Henryk Ross e Stefania Schoenberg nel matrimonio nel ghetto, con Ross che firma un documento, c. 1940-1944 © Art Gallery of Ontario

Le importanti fotografie di Henryk Ross mostrano che non possiamo mai lasciare che ciò accada di nuovo.

Ed è anche un tributo al potere degli umani quando non hanno altro che l’altro.

Per favore, condividi questa storia in modo che tutti quelli che conosci possano vedere queste potenti fotografie!