Hanno vinto le madri: sì al cognome della mamma per i figli

Hanno vinto le donne, finalmente i figli potranno portare il loro cognome accanto a quello del padre il giorno in cui verranno al mondo, niente pratiche burocratiche e attese, dopo secoli in cui le origini materne in nome del capo famiglia sono state ignorate, perse, cancellate, inesistenti, adesso cambierà tutto, sempre se entrambi i genitori lo vorranno.

E’ stata accolta infatti la questione di legittimità costituzionale da parte della Consulta sollevata dalla Corte d’appello di Genova sul cognome del figlio, ha dichiarato l’illegittimità della norma che prevede l’attribuzione automatica del cognome paterno al figlio legittimo. I genitori da ora in poi potranno dare il doppio cognome se saranno d’accordo, in mancato accordo tra padre e madre il bambino terrà solo il cognome paterno.

E’ stata sempre consuetudine dare il nome del padre ai bambini, la legge che affronta il problema e sancisce la possibilità per i figli di avere i cognomi di entrambi i genitori e approvata dalla Camera nel 2014 è stata sepolta da due anni al Senato.

Questa sentenza della Consulta forse spingerà alla sua approvazione, nel caso di mancata identità di vedute tra i due genitori o di battaglia per quale cognome mettere per primo, per questa legge ancora sospesa, si prevede l’ordine alfabetico.

Questa storica sentenza nasce dal ricorso di una coppia residente a Genova, italo-brasiliana che aveva chiesto di poter registrare il bambino con il doppio cognome, sia per senso di parità ma anche per armonizzare la condizione anagrafica del piccolo che ha doppia cittadinanza, ma la richiesta è stata respinta per la norma secondo la quale ai figli nati dal matrimonio va attribuito solo il cognome paterno.



Sarà necessario attenderei il deposito della sentenza per capire quali siano le motivazioni della Corte in base alla decisione presa oggi.

Voi cosa preferireste? Come la pensate?

 

 

fonte