Hanno usato il volto della loro figlia di 9 anni per promuovere l’aborto, la madre si è vendicata così

Internet oggi da incredibili vantaggi e servizi ma da anche a persone che vogliono mantenere l’anonimato, la possibilità di fare del male a qualcuno e scrivere messaggi e commenti offensivi senza far capire di chi si tratta in realtà e senza ripercussioni.

Questo è stato scoperto da Natalie Weaver quando un gruppo di persone ha usato la foto della figlia Sofia, che soffre di una grave disabilità, per promuovere l’aborto.

Natalie ha fatto quello che ti aspetteresti da qualsiasi madre amorevole: ha iniziato una guerra in prima persona contro l’odio.

Foto: Natalie Weaver


Sofia è nata con varie deformità e, quando aveva 1 anno, è stata anche diagnosticata la Sindrome di Rett, una rara mutazione genetica che colpisce lo sviluppo del cervello nelle ragazze.

Foto: Natalie Weaver

 

 Foto: Natalie Weaver

Quando sono state proposte modifiche alla copertura assicurativa nella sua zona, Natalie ha iniziato a parlare della malattia della sua bambina. Detto questo, i troll apparvero immediatamente.

Così la mamma difende la figlia e i commenti offensivi su di lei, in particolare uno che sosteneva l’aborto, affinchè non nascessero bambini come Sofia: anche dopo che Natalie ha bloccato il conto del troll e l’ha riferito alla polizia postale, non è mai scomparso. Twitter le ha persino inviato un messaggio che diceva che l’account non violava le sue politiche.

“Queste persone ti cercano e vogliono farti del male. Sono persone che fanno di tutto per assicurarsi di vedere la loro crudeltà. Ho persone che mi dicono di uccidere mia figlia e liberarla dalla sua infelicità “
La pubblicazione era ancora lì e l’aggressore non si è fermato: “Il troll ha menzionato il mio nome e si è rivolto ai miei amici su Twitter ” , ha detto. Così ha chiesto alle persone di aiutarla a rimuovere l’account e, per fare pressione su Twitter, ha raccontato la sua storia a un giornale locale.Sono dovuti trascorrere dieci giorni senza sosta per Twitter per eliminare l’account e per scusarsi di non averlo fatto prima. Natalie ha poi aggiunto: “Devono aggiungere una categoria di persone con disabilità nei loro rapporti. In caso contrario, le persone non sanno quale categoria è appropriata da scegliere in caso di odio contro le persone disabili. “

“Nonostante i suoi problemi e le sue sofferenze, Sopia è l’essere umano più forte che io conosca. I suoi fratelli la aiutano, la sostengono e la amano in un modo incondizionato. E’ sempre stata vittima di bullismo e io ogni volta avevo il cuore a pezzi. Ma come si fa a distruggere tutta la cattiveria del mondo? Circa un anno fa, ho deciso di diventare una sostenitrice dei bambini con delle disabilità come Sophia. ho fondato la Advocates for Medically Fragile Kids NC. Si tratta di un’associazione che garantisce a questi bambini un’istruzione e un sostegno, anche economico, alle loro famiglie. Garantiamo loro delle attrezzature che, purtroppo, assicurazione non ti darà mai.”
“Queste persone ti cercano e vogliono farti del male. Sono persone che fanno di tutto per assicurarsi di vedere la loro crudeltà. Ho persone che mi dicono di uccidere mia figlia e liberarla dalla sua infelicità “.