Gli uomini hanno salvato un “cane” gravemente congelato – Ma il veterinario in preda al panico dichiara il tragico errore

La stagione invernale porta ad opinioni diverse. Personalmente mi piace l’aria estremamente soffice e la neve che porta luce al buio.

Per gli animali, tuttavia, l’inverno può essere molto impegnativo. Loro, proprio come gli umani, devono stare attenti quando si spostano all’aperto a temperature molto basse.

A febbraio, un animale si trovava a Kalalpen, in Estonia. Degli uomini lo hanno trovato congelato. Non c’era tempo da perdere e i soccorritori agirono rapidamente. È stato portato dal veterinario appena in tempo. Tuttavia, gli uomini avevano commesso un errore pensando che fosse un “cane”.

Rando Kartsepp, Robin Sillamäe ed Erki Väli hanno pensato che la giornata sarebbe stata come al solito. Lavorarono lungo il fiume Pärnu. Tuttavia, videro qualcosa di strano nel fiume parzialmente ghiacciato.

Facebook / Associazione estone per il benessere degli animali

Era un animale e aveva un disperato bisogno di aiuto.

Un animale indifeso che congelava nel fiume

Rando, Robin ed Erki corsero verso il fiume e guardarono più da vicino. Un animale simile a un cane tremò e cercò di rimanere a galla nell’ acqua ghiacciata.

Non è chiaro per quanto tempo l’animale sia rimasto in acqua. Gli uomini sapevano che non valeva la pena rischiare la vita e tuffarsi in acqua. Piuttosto, hanno praticato buchi nel ghiaccio per rendere la strada all’animale più facile affinché potesse raggiungere la riva.

“Cane” salvato

L’animale era completamente stanco e gelido.

Foto: Facebook / Associazione estone per il benessere degli animali

Abbiamo dovuto trasportarlo sopra la collina“, dice Rando a Postimees .

Si precipitarono dal veterinario dove l’animale avrebbe ottenuto tutto l’aiuto di cui avevano bisogno.

Il cane non era un cane…

Quando arrivarono, si resero conto che l’animale che avevano salvato – era un lupo, il veterinario in preda al panico cercò di tenerlo sotto controllo temendo che potesse essere aggressivo.

L’Associazione estone per il benessere degli animali ha pagato tutti i costi e l’animale è tornato nel suo habitat.

Fortunatamente, gli uomini furono in allerta e avvistarono il lupo. Grazie a loro, è sopravvissuto e la storia ha avuto il lieto fine che meritava.